Lacoste, è morto, il suo coccodrillo vive.

I coccodrilli, in gergo giornalistico sono pezzi commemorativi di personaggi famosi, vengono scritti quando sono in vita, per poterli usare tempestivamente al momento della loro dipartita.
Ieri è morto il leader dei coccodrilli e la stampa si è sprecata, ricordandolo così:

«È morto Lacoste leader per 40 anni del Coccodrillo, ha vissuto tutto questo tempo con le dita incrociate». 
È morto ieri all’età di 74 anni Bernard Lacoste. Fino all’anno scorso, è stato presidente dell’omonimo gruppo industriale. Sempre lo scorso anno, a causa dei suoi problemi di salute, fu costretto a ritirarsi e a lasciare l’incarico al fratello Michel. Bernard Lacoste divenne presidente dell’azienda nel 1963. Erano passati trent’anni da quando il padre, Renè Lacoste, aveva fondato il gruppo, divenuto famoso in tutto il mondo per il caratteristico coccodrillo e altrettanti anni da quando ex pubblicisti, apprendisti giornalisti, avevano scritto il suo coccodrillo e non vedevano l’ora di pubblicarlo.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →