La variante Lambda del Covid-19 potrebbe diventare resistente ai vaccini

Ricercatori in Cile hanno detto che la variante Lambda del virus Covid-19 non solo è più infettiva della SARS-CoV-2 standard, ma potrebbe anche ignorare i vaccini. Il primo caso negli Stati Uniti è stato individuato all’Houston Methodist Hospital.
Lo studio preliminare riportato nella rivista MedRxiv, condotto da ricercatori in Cile suggerisce che la mutazione, che è emersa per la prima volta in Perù circa un anno fa ed è altamente infettiva, potrebbe anche essere in grado di eludere gli anticorpi del vaccino. Hanno scritto:
«I nostri risultati indicano che le mutazioni presenti nella proteina spike della variante Lambda conferiscono maggiore infettività e fuga immunitaria dagli anticorpi neutralizzanti provocati dal vaccino CoronaVac, prodotto da un’azienda cinese e utilizzato in Perù. I nostri dati rafforzano l’idea che massicce campagne di vaccinazione nei paesi con alta circolazione del virus SARS-CoV-2 debbano essere accompagnate da una stretta sorveglianza genomica che consenta l’identificazione di nuovi isolati portatori di mutazioni di picco e studi immunologici volti a determinare l’impatto di queste mutazioni nella fuga immunitaria e scoperta dei vaccini».
È stato evidenziato dal Johns Hopkins Coronavirus Resource Center che il Perù ha il più alto tasso di mortalità per Covid-19 di qualsiasi altro paese al mondo, circa 600 ogni 100.000 persone infette da Covid-19. È quasi il doppio dell’Ungheria, il paese con il successivo più alto tasso di mortalità Covid-19.
L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) afferma che dallo scorso aprile la variante Lambda è stata portatrice di Covid-19 in circa l’81% delle infezioni in Perù. L’OMS nel mese di giugno ha dichiarato la variante Lambda una variante di interesse, è diffusa in circa 30 altri paesi nel mondo, incluso il Regno Unito.
Il primo caso di variante Lambda è stato individuato all’Houston Methodist Hospital 2 giorni fa, secondo varie agenzie di stampa, tra cui Axios. L’Houston Methodist Hospital ha fatto scalpore ultimamente sui titoli dei giornali essendo il primo ospedale negli Stati Uniti a imporre a tutti i suoi dipendenti di essere vaccinati contro il coronavirus Covid-19.
Il sito Infection Control Today ha riferito che per aver rifiutato il vaccino, 153 dipendenti di Houston Methodist Hospital si è dimesso o è stato licenziato. È emerso che nell’area di Houston c’è stato un allarmante picco di infezioni da Covid-19. I funzionari dell’Houston Methodist Hospital non hanno commentato se la perdita di 153 dipendenti abbia ostacolato la capacità della struttura di curare l’afflusso di pazienti.
I ricercatori cileni sulle sfide che presenta la variante Lambda, hanno scritto:
«I nostri risultati indicano che la proteina spike della variante Lambda conferisce una fuga immunitaria agli anticorpi neutralizzanti determinati dal vaccino CoronaVac; non è ancora noto se la variante Lambda sfugga anche alla risposta cellulare che si è dimostrata originata dal vaccino CoronaVac. Abbiamo anche osservato che la proteina spike della variante Lambda presentava una maggiore infettività rispetto alla proteina spike delle varianti Alpha e Gamma, entrambe con una maggiore infettività e trasmissibilità».
Kevin Kavanagh dell’Editorial Advisory Board di ICT (un team di esperti che fornisce consulenza sui contenuti pubblicati su riviste scientifiche), ha detto:
«L’emergere della variante Lambda sottolinea la necessità di considerare che i vaccini siano solo uno strato di protezione contro l’infezione da Covid-19 e che dovrebbero essere combinati con mascherine e occhiali protettivi. Bisogna ricordare che una mascherina con respiratore di alta qualità può ridurre l’esposizione virale fino a sei volte, è un importante supporto ai vaccini che hanno ridotta efficacia. Il nostro obiettivo deve essere quello di prevenire sia la morte sia la disabilità a lungo termine».

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →