La storia di CJ Twomey, le sue ceneri sono sparse in tutto il mondo

CJ Twomey un ragazzo del Maine negli Stati Uniti, ex militare delle forze aeree degli Stati Uniti, amava i viaggi e l’avventura. Il 14 aprile 2010 (aveva venti anni), si tolse la vita.
Lo scorso novembre, Hallie Twomey la mamma di CJ mentre stava guardando sulla mensola del caminetto l’urna piena di ceneri di suo figlio, decise che doveva mandarlo a fare un viaggio:
«Mi resi conto che le sue ceneri sarebbero rimaste per sempre nell’urna, lui non ha potuto vedere il mondo, ho voluto dargli qualcosa che non ha avuto la possibilità di assaporare. Dopo aver discusso con mio marito John, ho creato una pagina di Facebook per chiedere se qualcuno sarebbe stato disposto a disperdere una piccola quantità di ceneri di CJ in un luogo a scelta.
All’inizio, la disponibilità delle persone è stata lenta, in famiglia pensavamo che saremmo stati fortunati a trovare il contatto di un paio di centinaia di persone. Dopo un anno, più di 9.000 persone si sono offerte di prendere un po’ di cenere di mio figlio per spargerle durante i loro viaggi; per questo ora devo essere selettiva, scegliere le persone che vanno in luoghi particolarmente unici o in cui i resti di CJ non sono mai stati portati. Vorrei coinvolgere tutte le persone che si sono offerte, purtroppo abbiamo solo una quantità limitata di cenere».

CJ Twomey
Hallie quando qualcuno entra in contatto con lei, e accetta l’offerta, pone una piccola quantità di ceneri di CJ in un sacchetto accompagnato con una lettera e la foto di suo figlio in camicia Red Sox (vedi immagine):
“Chiedo loro di far sapere a CJ che lo abbiamo amato e che sono dispiaciuta per non aver fatto l’impossibile per impedirgli di scegliere di morire. Coloro che spargono le ceneri di CJ sono invitati a scattare una foto e inviare qualche parola circa la località scelta.
La pagina di Scattering CJ su Facebook è piena di fotografie da tutto il mondo, famose attrazioni, montagne innevate e isole tropicali, ecc. La maggior parte delle fotografie include il sacchetto di ceneri e la foto di CJ in primo piano, molti mostrano una piccola quantità di cenere tenuta con mano tesa pronta per essere dispersa (vedi foto).
La pagina mostra anche un elenco impressionante di destinazioni in cui sono state sparse le ceneri di CJ, va dall’Alabama, l’Afghanistan, la Cambogia, Capo Verde, ecc.
Le persone che si sono offerte di spargere le ceneri di CJ appartengono a ceti sociali, gruppi di età e nazionalità diverse, alcuni di loro hanno avuto le loro vite colpite da eventi di suicidio o forse hanno tentato loro stessi il suicidio. A causa di CJ e del suo viaggio, alcune persone hanno condiviso con noi che non voler più porre fine alla loro vita. Mai avremmo potuto immaginare che la storia di nostro figlio avrebbe potuto salvare quella degli altri. Anche se le sue ceneri sono state sparse in sette continenti, tra cui l’Antartide, ci sono ancora alcuni luoghi da raggiungere come la statua del Cristo Redentore di Rio de Janeiro, le isole Galapagos, la Grande Piramide di Giza in Egitto e Angel Oak l’antica quercia di circa 1.500 anni in South Carolina.
Le ceneri di CJ non hanno viaggiato solo a Terra, con un carico utile a pagamento nel mese di ottobre dal deserto messicano sono state lanciate con un razzo. Ciò ha permesso a nostro figlio di raggiungere un posto tra i più lontani mai immaginato».
La famiglia di CJ non intende inviare tutte le sue ceneri, una piccola quantità rimarrà a casa, un po’ di cenere è già stata già utilizzata nei gioielli indossati da Hallie, in conclusione ha detto:
«Non so come mi sentirò quando a conclusione del progetto Scattering CJ invierò l’ultimo pacchetto di ceneri di CJ, di sicuro piangerò. Come mamma, la mia paura più grande è che CJ sarà dimenticato, però nutro la speranza che più di 18.000 persone che seguono la pagina Scattering CJ di Facebook, manterrà viva la sua memoria».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →