La pseudoscienza sta prendendo il controllo dei social media, mettendoci tutti a rischio

Provate a cercare “cambiamento climatico” su YouTube, in breve tempo troverete probabilmente un video che nega la sua esistenza. Infatti, quando si tratta di elaborare la conversazione online sul cambiamento climatico, il nuovo studio suggerisce che i negazionisti e i teorici della cospirazione potrebbero avere un vantaggio su chi crede nella scienza.
I ricercatori hanno rilevato che la maggior parte dei video di YouTube riguardanti il cambiamento climatico si oppone al parere scientifico secondo il quale tale fenomeno è causato principalmente dalle attività umane.
Lo studio pubblicato su Frontiers evidenzia il ruolo chiave dell’uso dei social media nella diffusione della disinformazione scientifica. Suggerisce che gli scienziati e coloro che li affiancano devono essere più attivi nello sviluppo di strumenti creativi e convincenti per comunicare le loro scoperte; ma, cosa ancora più importante, bisogna preoccuparci degli effetti che l’informazione scientifica manipolata in modo malevolo può avere sul nostro comportamento, individualmente e come società.
Il recente studio di Joachim Allgaier dell’Università Tecnica di Aquisgrana (RWTH) in Germania ha analizzato il contenuto di un campione casuale di 200 video di YouTube concernenti il cambiamento climatico. Ha scoperto che la maggioranza dei video (107) o nega che il cambiamento climatico sia stato causato dall’uomo o sostiene che sia è una cospirazione.

Informazioni errate sulla salute
Il cambiamento climatico è ben lungi dall’essere l’unico settore in cui vediamo una tendenza alla disinformazione online sulla scienza che trionfa sui fatti scientificamente validi. Si consideri un problema come le malattie infettive, e forse l’esempio più noto del vaccino contro il morbillo-parotite-rosolia (MMR): nonostante la grande quantità d’informazioni online sulla sicurezza del vaccino, le false affermazioni secondo cui ha effetti dannosi si sono diffuse ampiamente e hanno portato al crollo dei livelli di vaccinazione in molti paesi del mondo.
Tuttavia, non sono solo le ben note teorie del complotto a causare il problema, nel maggio 2018, un fomentatore al culmine dell’epidemia del virus Nipah che ha causato 17 vittime nello Stato del Kerala, nel sud dell’India, duplicò la carta intestata dell’ufficiale medico distrettuale e diffuse un messaggio in cui affermava che il virus Nipah si stava diffondendo attraverso la carne di pollo.
L’opinione scientificamente riconosciuta in realtà ha detto che l’ospite del virus è il pipistrello della frutta. Le voci infondate divennero virali su WhatsApp: nel Kerala e negli Stati confinanti come il Tamil Nadu, i consumatori diventati diffidenti nei confronti del consumo di pollo, causarono una rapida riduzione dei redditi dei commercianti locali di polli.
Gli effetti della disinformazione che circonda il vaccino MMR e il virus Nipah sul comportamento umano non dovrebbe essere sorprendente, poiché sappiamo che la nostra memoria è malleabile. Il nostro ricordo dei fatti originali può essere sostituito da nuove e false informazioni. Sappiamo anche che le teorie cospirative ha una forte attrazione perché può aiutare le persone a dare un significato agli eventi o ai problemi su cui sentono di non avere alcun controllo.
E’ questo un problema ulteriormente complicato dagli algoritmi di personalizzazione alla base dei social media, tendono a fornirci contenuti coerenti con le nostre convinzioni e modelli di click, contribuendo a rafforzare l’accettazione della disinformazione: gli scettici sul cambiamento climatico potrebbero ricevere un flusso crescente di contenuti che negano che siano causati dagli esseri umani, rendendo meno probabile intraprendere azioni personali per affrontare il problema.
Ulteriori rapidi progressi nelle tecnologie digitali inoltre garantiranno che la disinformazione arrivi in formati inaspettati e con diversi livelli di accuratezza. Duplicare la carta intestata di un funzionario o utilizzare strategicamente parole chiave per manipolare i motori di ricerca online è la punta dell’iceberg. L’emergere di sviluppi legati all’intelligenza artificiale come DeepFakes (video falsi realistici), renderà probabilmente più difficile individuare informazioni errate.

Come affrontare il problema della disinformazione
La sfida è accresciuta dal fatto che la semplice fornitura d’informazioni scientifiche correttive può rafforzare la consapevolezza delle falsità. Occorre anche superare la resistenza delle convinzioni ideologiche e dei pregiudizi della gente.
Le società di social media stanno cercando di sviluppare meccanismi istituzionali per contenere la diffusione della disinformazione, un portavoce di YouTube come risposta alla nuova ricerca, ha detto:
«Da quando questo studio è stato condotto nel 2018, abbiamo apportato centinaia di modifiche alla nostra piattaforma, i risultati di questo studio non riflettono esattamente il modo in cui YouTube funziona oggi. I cambiamenti apportati hanno già ridotto del 50% le visualizzazioni delle segnalazioni di questo tipo di contenuti negli Stati Uniti».
E’ emerso che altre società hanno assunto un gran numero di verificatori dei fatti, agli accademici hanno concesso borse di ricerca per studiare la disinformazione; sono stati bloccati i termini di ricerca per argomenti in cui la disinformazione potrebbe avere effetti nocivi per la salute. Tuttavia la continua presenza della disinformazione scientifica sui social media suggerisce che queste misure non sono sufficienti. I governi di tutto il mondo stanno agendo, dall’approvazione di leggi, alla chiusura di Internet, ciò sta procurando l’ira degli attivisti per la libertà di parola.

Gli scienziati devono essere coinvolti
L’altra possibile soluzione potrebbe essere quella di affinare la capacità delle persone di pensare criticamente in modo da poter distinguere tra informazioni scientifiche reali e teorie di cospirazione: ad esempio, un distretto dello Stato del Kerala, ha lanciato un’iniziativa di alfabetizzazione informatica in quasi 150 scuole pubbliche, cercando di dare ai bambini la possibilità di distinguere tra informazioni autentiche e false. E’ presto, ma ci sono già prove evidenti che questo può fare la differenza.
Gli scienziati hanno anche bisogno di essere maggiormente coinvolti nella lotta per assicurarsi che il loro lavoro non sia respinto o usato in modo improprio, come nel caso di termini come “geoingegneria” utilizzato dai negazionisti del clima di YouTube. Le teorie cospirative fanno leva sul fascino di certezze – per quanto false – mentre l’incertezza è insita nel processo scientifico, ma nel caso del consenso scientifico sul cambiamento climatico – vede fino al 99% degli scienziati del clima concordare sulla responsabilità degli esseri umani -, abbiamo qualcosa di più vicino alla certezza quanto lo è la scienza.
Gli scienziati devono comunicare al pubblico con strategie innovative e persuasive. Ciò include la creazione di contenuti sui propri social media non solo per cambiare le convinzioni, ma anche per influenzare i comportamenti, altrimenti, la loro voce, per quanto affidabile, continuerà a essere soffocata dalla frequenza e dalla ferocia dei contenuti prodotti da chi non ha prove concrete.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →