La prima telefonata con il "mattone"

Pronto, parlo con Joel Engel, direttore della Bell? (è un mio concorrente, questa telefonata lo farà cadere dalla poltrona).
Joel Engel – Si sono io chi parla con un telefonino senza fili? (se è lui mi ha fregato, l’ha inventato prima di me).
Sono l’ingegnere Martin Cooper della Motorola, ti chiamo da una strada di Manhattan con un  telefonino portatile il Dyna-Tac che ho appena inventato.
Joel Engel – Cavolo mi hai fregato! almeno dimmi come è fatto, bastardo.
Martin Cooper – è come il telefonino che usi adesso (nel 2006), solo che il mio, inventato nel lontano 3 aprile del 1973, non ha il display e pesa un chilo e mezzo. Mi raccomando, non farmi la battuta invidiosa di dire che ho inventato "il mattone", click.
Oggi un telefonino pesa in media tra i 100 e i 150 grammi e alcuni sfiorano addirittura i 60 grammi. La nazione con la maggiore diffusione di telefonini è la Norvegia con 651 abbonati ogni 1000 abitanti.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

0 thoughts on “La prima telefonata con il "mattone"

  1. Ecco perché nel 1973 tante persone avevano le tasche dei pantaloni e dei giubbotti sempre scucite.

    Buon compleanno telefonino (anzi telefonone)!

    Baciotto*

Lascia un commento