La pillola contraccettiva può ridurre un’area del cervello che controlla il desiderio sessuale

Molte coppie eterosessuali che usano contraccettivi orali riferiscono di fare meno sesso di chi usa il profilattico o altre forme di contraccettivi. I medici credono da qualche tempo che ciò sia dovuto allo squilibrio ormonale causato dalla pillola, ma un nuovo studio sfida questa idea, identificando potenzialmente la causa principale.
I risultati del nuovo studio hanno evidenziato che i contraccettivi orali possono ridurre un’area del cervello che controlla il desiderio sessuale. Michael Lipton, professore di radiologia presso l’Albert Einstein College of Medicine di New York, insieme ai colleghi, ha eseguito scansioni cerebrali su 50 donne, 21 delle quali stavano assumendo pillole contraccettive orali. Ha notato che le donne che hanno usato contraccettivi orali avevano un ipotalamo più piccolo (nel cervello è una piccola ma cruciale parte responsabile della regolazione degli ormoni). È noto che i danni all’ipotalamo influenzano il desiderio sessuale, l’umore, la frequenza cardiaca e i cicli del sonno. Tuttavia, un ipotalamo più piccolo non significa necessariamente che sia danneggiato in alcun modo.
Lo studio preliminare che ha individuato un nesso tra contraccettivi orali e ipotalamo in contrazione, è stato presentato alla recente riunione annuale della Società Radiologica del Nord America.
Michael Lipton ha detto:
«Tra le donne che prendevano contraccettivi orali, abbiamo trovato una notevole differenza nelle dimensioni della struttura cerebrale».
I dottori sanno da anni che i contraccettivi orali possono notevolmente alterare i comportamenti di una donna, compreso il modo in cui gestiscono le emozioni, l’umore, l’apprendimento, il sesso, l’attrazione e lo stress.
Il motivo per cui, le donne, che prendono la pillola ha un minore stimolo sessuale è dovuto all’ormone progesterone, domina durante il ciclo mestruale, inviando al corpo un messaggio che l’ovulazione non è necessaria. I ricercatori hanno inoltre riscontrato una correlazione tra un volume ipotalamico più piccolo e periodi più frequenti di rabbia e sintomi depressivi.
Gli studi precedenti hanno individuato altri legami tra l’uso di contraccettivi e i cambiamenti nelle varie strutture cerebrali, come l’ippocampo e i gangli della base, e lo spessore corticale.
Gli autori del nuovo studio fanno notare che i risultati sono preliminari, hanno trovato solo un’associazione tra la pillola e un ipotalamo più piccolo, per questo, se si utilizzano contraccettivi orali, non è il momento di andare nel panico perché la dimensione del campione è piuttosto piccola.
I risultati meritano ulteriori indagini, secondo un rapporto del Centro statunitense per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, tra i 47 milioni di donne statunitensi che attualmente utilizzano contraccettivi, circa il 13% utilizza le pillole anticoncezionali.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →