La nuova mappa 3-D della Via Lattea rivoluzionerà l’astronomia

Il satellite europeo Gaia ha prodotto una sbalorditiva mappa 3D di oltre un miliardo di stelle nella nostra galassia della Via Lattea, completa con la loro distanza dalla Terra, il loro colore e il loro movimento attraverso lo spazio.
Il catalogo tanto atteso è stato compilato dai dati raccolti da Gaia su circa 1,7 miliardi di stelle nell’arco di 22 mesi nel periodo 2014-2016, dal suo punto di osservazione unico nello spazio a circa 1,5 milioni di chilometri dalla Terra.
Uwe Lammers, direttore delle operazioni scientifiche di Gaia, ha detto:
«Il set di dati è molto ricco, crediamo che rivoluzionerà l’astronomia e la nostra comprensione della Via Lattea. Il catalogo è il più preciso e completo che sia mai stato prodotto, permette studi che prima non sono stati possibili».
Il satellite europeo Gaia lanciato nel 2013, ogni minuto raccoglie dati su circa 100.000 stelle, ogni giorno esegue circa 500 milioni di misurazioni. La sua prima mappa è stata pubblicata a settembre 2016, con circa 1,15 miliardi di stelle.
L’aggiornamento, pubblicato in occasione della mostra internazionale dell’Aria e dello Spazio ILA a Berlino, aggiunge stelle e fornisce più dati su ciascuna di esse.
Anthony Brown della Gaia Data Processing and Analysis Consortium (Consorzio per l’elaborazione e l’analisi dei dati), ha detto:
«La mappa contiene 1,7 miliardi di stelle, con un’accuratezza elevata possiamo dire, dove sono in cielo e quanto sono brillanti. Per 1,3 miliardi di stelle conosciamo la loro distanza e sappiamo come si muovono nello spazio.
Vi sono, inoltre, informazioni sulle velocità radiali di circa sette milioni di stelle, indicano la velocità con cui si stanno muovendo verso, o lontano dalla Terra».

Scatola di cioccolatini
Anthony Brown che ha definito il risultato finale “sbalorditivo”, ha aggiunto:
«Possiamo creare una mappa dell’intero cielo notturno, vedere l’intera Via Lattea in movimento attorno al suo asse. Il satellite europeo Gaia ha anche rivelato le orbite di circa 14.000 “oggetti del sistema solare”, mappati come un’intricata ragnatela di rocce spaziali in orbita attorno al Sole. Rappresenta il rilevamento più accurato di asteroidi nel sistema solare, sarà aggiunto nei futuri aggiornamenti».
Le informazioni di Gaia inviate sulla Terra sono raccolte da 450 scienziati di 20 paesi, tra loro, Antonella Vallenari, in diretta webcast durante l’evento in Germania, ha detto:
«I dati arrivati da Gaia li paragono all’apertura di una scatola di cioccolatini. E’ molto, molto eccitante».
I dati completi saranno pubblicati in una serie di articoli scientifici in un numero speciale della rivista Astronomy & Astrophysics, ponendo le basi per decenni di successivi studi. Günther  Hasinger, direttore dell’Istituto di Astronomia all’Università delle Hawaii e  direttore della scienza presso l’Agenzia spaziale europea (ESA), ha detto:
“Oggi abbiamo ottenuto il catalogo di un miliardo di stelle che sfrecciano attraverso la Via Lattea in varie direzioni, con Gaia, possiamo effettivamente decostruire l’intera storia della Via Lattea, è come l’archeoastronomia … per costruire davvero la storia del nostro Universo».
Uwe Lammers, direttore delle operazioni scientifiche di Gaia in conclusione ha detto: «Il prossimo aggiornamento è previsto per il 2020».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento