La Nasa sta per annunciare nuovi progetti per ritornare sulla Luna

La Terra su cui viviamo sta morendo, abbiamo riempito gli oceani di plastica, le calotte polari si stanno sciogliendo rilasciando tutti i tipi di orribili malattie, la temperatura globale sta aumentando e l’Orologio dell’apocalisse (Doomsday Clock in inglese) è sempre più vicino alla distruzione globale su vasta scala. Non temere, la Nasa sta progettando di riportare l’umanità sulla Luna!
La Nasa sta per annunciare il budget di cui hanno bisogno se vogliamo tornare sulla Luna. Tutto ciò perché lo scorso dicembre Donald Trump ha firmato la Direttiva sulla Politica Spaziale 1 (SPD-1) prevede di mandare gli umani sulla Luna prima della missione su Marte.
Donald Trump ha detto che la Direttiva sulla Politica Spaziale 1 (SPD-1) rimetterebbe a fuoco il programma spaziale dell’America sulla ricerca e la scoperta umana. Barack Obama voleva arrivare su Marte, Donald Trump ha bisogno di fare l’esatto l’opposto.
La Nasa pubblicherà a febbraio i primi dettagli sulla loro missione, è il mese in cui devono annunciare il loro budget per l’anno finanziario del 2019. Robert Lightfoot amministratore delegato della Nasa, ha dichiarato: «Abbiamo lavorato al progetto con l’amministrazione, penso che quando uscirà il budget, la gente vedrà cosa ci è stato chiesto di fare».
Sotto il presidente Obama, si pensava che il programma fosse di realizzare una stazione spaziale in orbita intorno a Marte entro il 2030, seguita da missioni con equipaggio su Marte nel decennio successivo.
Fino alla data odierna, solo 12 astronauti, tutti statunitensi, hanno camminato sulla superficie della Luna, facevano parte del programma Apollo. Fino alla data odierna nessun essere umano dal 1972 ha più camminato sulla Luna, quindi avremo la possibilità di vedere se qualcosa è drasticamente cambiato negli ultimi 46 anni, poi dovremo lavorare velocemente per trasferire tutti gli umani sulla Luna prima che qualunque evento di massa globale porti alla fine della vita sul Pianeta Terra.

L’amministrazione Trump entro il 2025 vuole porre fine ai finanziamenti della Nasa per la Stazione Spaziale Internazionale

L’amministrazione Trump secondo una proposta di bilancio entro il 2025 si appresta a porre fine al sostegno per il programma della Stazione Spaziale Internazionale. Gli astronauti americani senza l’ISS, per anni potrebbero essere “radicati” sulla Terra senza destinazione nello spazio finché la Nasa non svilupperà nuovi veicoli per i suoi piani di viaggio nello spazio profondo.
Il progetto può cambiare prima che una richiesta di budget ufficiale sia rilasciata il 12 febbraio 2018. La Nasa ha detto che non commenterà la richiesta finché non sarà rilasciata, un portavoce ha detto:
«La partnership tra la Nasa e la Stazione Spaziale Internazionale è impegnata nella ricerca scientifica e tecnica completa sul laboratorio orbitante, poiché è la base su cui estenderemo la presenza umana nello spazio più a fondo. Non faremo commenti su eventuali documenti trapelati o pre-decisionali prima dell’uscita del bilancio per l’anno fiscale 2019 (FY19) del Presidente, previsto per il 12 febbraio 2018».
La proposta di qualsiasi budget dell’amministrazione Trump sarà soggetta al controllo e all’approvazione del Congresso. Annunciare l’intenzione di annullare i finanziamenti ISS potrebbe inviare un segnale ai partner internazionali della Nasa che gli Stati Uniti non sono più interessati a continuare il programma. Molti dei partner della Nasa devono ancora decidere se vorranno continuare a lavorare sulla stazione oltre il 2024.
Il programma della Stazione Spaziale Internazionale è in corso da oltre due decenni, ogni anno la Nasa spende da tre a quattro miliardi dollari, fanno parte di un investimento di oltre 87 miliardi di dollari stanziati dal governo degli Stati Uniti.
La Stazione Spaziale Internazionale è diventata un importante centro per condurre esperimenti in microgravità sia governativi sia commerciali, oltre a testare come il corpo umano risponde alla mancanza di peso. La Nasa si è impegnata a mantenere il programma grazie all’amministrazione Obama, ha deciso di estendere la vita operativa della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) fino al 2024.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento