La missione di salvataggio dei ragazzi bloccati nella grotta in Thailandia potrebbe iniziare stasera

Ben Reymenants, il sommozzatore belga che è stato intervistato lo scorso lunedì dalla BBC Newsnight, ha dichiarato a Het Laatste Nieuws (HLN):
«E’ una corsa contro il tempo, domenica si prevedono forti rovesci di pioggia, ma rimaniamo positivi. Ci aspettiamo che i primi due ragazzi raggiungano l’uscita entro oggi.
Il percorso è difficile attraverso un labirinto di corridoi, con molte immersioni e risalite, in questo momento la corrente e la visibilità sott’acqua sono migliorate. I ragazzi non devono nuotare molto, hanno una maschera di ossigeno, saranno quasi sempre tenuti a portata di mano da uno dei subacquei.
Lungo il percorso nel terzo corridoio c’è l’aria per respirare, i ragazzi saranno controllati da un medico. Poi ci sono altri 1,5 chilometri da percorrere per arrivare finalmente tra le braccia di mamma e papà».

Quattro ragazzi il giorno
Ben Reymenants ha detto:
«La missione di salvataggio inizia con i due ragazzi più forti. I subacquei andranno giù e su per sei volte. Per raggiungere il gruppo di ragazzi ci vogliono circa tre ore, il ritorno sarà meno faticoso per l’apporto della corrente.
I soccorritori con le bombole di ossigeno cariche torneranno a prendere gli altri ragazzi. Stimiamo di portare fuori quattro ragazzi il giorno, nel migliore dei casi serviranno tre giorni per recuperare tutti i ragazzi. Nel frattempo, speriamo che la pioggia non duri il più a lungo possibile.
E’ una corsa contro il tempo, anche il livello di ossigeno nella grotta continua a scendere, di conseguenza, i ragazzi possono iniziare a sentirsi storditi. Rimaniamo positivi, i ragazzi hanno il coraggio. Iniziano a fantasticare su ciò che vogliono mangiare quando torneranno a casa, in tutte le foto sono sorridenti».

Il sommozzatore thailandese deceduto aveva molta esperienza, era un triatleta
Ben Reymenants si è soffermato sulla morte del sub thailandese, ha detto:
«La tragica morte di Samarn Poonan, non entra negli abiti freddi di altri sub, alcuni non vogliono più nuotare nella caverna, saranno sostituiti. Io lo conoscevo mi sono immerso con lui. Era molto esperto, condizioni fisiche eccezionali come triatleta, il tragico evento è arrivato inaspettato.
Samarn Poonan è stato molto sfortunato, era leggermente più anziano degli altri, partecipava volontariamente alle missioni. Ciò che è andato storto non è ancora chiaro. Forse ha perso conoscenza a causa dell’anidride carbonica per stress o aria cattiva nella sua bombola d’ossigeno, sarà l’autopsia a scoprire le cause della sua morte».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →