La maggior parte dei sopravvissuti al Covid-19 a Wuhan dopo 6 mesi ha ancora problemi di salute

Le preoccupazioni per i sintomi “a lungo raggio” nei sopravvissuti al coronavirus Covid-19 potrebbero essere riaccese da un nuovo studio: rileva che 3 pazienti su 4 di Wuhan in Cina, dove ha avuto origine la pandemia, sei mesi dopo soffrivano ancora di almeno un persistente problema di salute.
Lo studio condotto in Cina ha coinvolto più di 1.700 pazienti a cui è stato diagnosticato il coronavirus Covid-19 a Wuhan tra gennaio e maggio, per poi proseguire a giugno e settembre. I ricercatori riferiscono che il 76% di questi pazienti aveva almeno un problema di salute sei mesi dopo l’inizio dei sintomi. I sintomi più comuni erano stanchezza o debolezza muscolare (63%) insieme a problemi di sonno (26%) e ansia o depressione (23%).
Bin Cao del Centro Nazionale di Medicina Respiratoria del China-Japan Friendship Hospital e della Capital Medical University, entrambi a Pechino, ha detto:
«Il coronavirus Covid-19 poiché è una malattia inedita, stiamo cominciando a capire alcuni dei suoi effetti a lungo termine sulla salute dei pazienti».
Bin Cao e il suo team hanno pubblicato i risultati nella rivista Lancet. Bin Cao ha detto:
«La nostra analisi indica che la maggior parte dei pazienti continua a vivere con alcuni degli effetti del virus dopo aver lasciato l’ospedale, evidenzia la necessità di cure post-dimissione, in particolare per coloro che soffrono di gravi infezioni. Il nostro lavoro sottolinea anche l’importanza di condurre studi di controlli periodici più lunghi in popolazioni più ampie per comprendere l’intero spettro di effetti che il coronavirus Covid-19 può avere sulle persone».
I ricercatori cinesi hanno detto che sei mesi dopo l’inizio dei sintomi le persone che erano state gravemente malate con il coronavirus Covid-19 avevano più spesso una funzione polmonare compromessa, così come le anomalie viste nelle radiografie del torace, che potrebbero indicare danni agli organi.
È emerso che spesso anche i reni sono stati colpiti, sulla base di test di laboratorio, circa il 13% dei pazienti che avevano avuto una normale funzione renale mentre erano stati ricoverati in ospedale, ha mostrato una ridotta funzione renale dopo aver recuperato dal coronavirus Covid-19.
Thomas Gut, professore associato di medicina allo Staten Island University Hospital di New York City, ha notato problemi simili tra i pazienti del suo ospedale. Ha detto:
«Il recupero post coronavirus Covid-19 rimane una storia in corso e in evoluzione. Il “covid lungo” è una sindrome in evoluzione, anche se la costellazione di precedenti sintomi associati è abbastanza ben descritta, si sa poco sui risultati a lungo termine. La stragrande maggioranza dei pazienti visti nel nostro Centro per l’assistenza post-Covid hanno lamentato disturbi di affaticamento o nebbia cognitiva, entrambi hanno caratteristiche di sovrapposizione con i disturbi visti in questo studio. Molti dei nostri pazienti riferiscono nuovi sintomi di insorgenza dopo il coronavirus Covid-19, o di un peggioramento significativo dei sintomi. La maggior parte dei nostri pazienti vede un graduale miglioramento dei sintomi con il passare del tempo, ma alcuni hanno ancora effetti persistenti a quasi un anno dall’infezione».
Ora per molti pazienti c’è poca spiegazione chiara per i loro sintomi persistenti anche dopo test approfonditi e opzioni di trattamento ancora meno chiare; un altro esperto ritiene che i centri sanitari debbano essere preparati per un’ondata di pazienti Covid lunghi.
Robert Glatter, medico di emergenza del Lenox Hill Hospital di New York City, ha detto:
«Ci sarà un’ondata di pazienti con un lungo Covid che entreranno nei nostri sistemi medici e che richiederanno cure continue e riabilitazione. Dobbiamo non solo pianificare questo problema, sviluppando centri di eccellenza, ma anche stanziare i fondi federali necessari per la ricerca e la cura di questi pazienti; al di là delle questioni fisiche c’è un pedaggio psicologico sul recupero, che ha un impatto diretto sul modo in cui le persone sono in grado di riprendere la loro vita. Disporre di risorse adeguate è essenziale per favorire la guarigione nei dolorosi e lunghi mesi successivi all’infezione acuta».
Lo studio di Wuhan ha anche cercato di rintracciare l’immunità a lungo termine dei sopravvissuti al coronavirus Covid-19. Ha riscontrato che i livelli di anticorpi neutralizzanti contro il nuovo coronavirus sono diminuiti di oltre la metà (52,5%) dopo sei mesi in 94 pazienti la cui risposta immunitaria è stata testata al picco dell’infezione. La scoperta aumenta la preoccupazione per la possibilità che i sopravvissuti siano reinfettati dal virus.
Robert Glatter ha detto:
«In questo momento, la durata dell’immunità dopo l’infezione da coronavirus Covid-19 non è chiara».
La rivista Science in un recente studio riporta che l’immunità naturale al coronavirus Covid-19 può durare fino a otto mesi, rendendo meno probabile il potenziale di reinfezione. Si tratta di una risposta complessa che coinvolge anticorpi, cellule B della memoria e diversi tipi di cellule T”.
Robert Glatter ha aggiunto:
«Tutto ciò significa che la vaccinazione è ancora fondamentale anche per le persone che hanno già avuto il coronavirus Covid-19. In effetti, non conosciamo ancora il quadro completo dell’immunità a lungo termine, ciò rende la vaccinazione un elemento essenziale di salute pubblica a questa pandemia. Il vaccino è sicuro ed efficace e rappresenta il modo più adeguato per raggiungere l’immunità di gregge».
L’immunità di gregge si verifica quando un numero sufficiente di persone (circa il 70%) in una popolazione ha ottenuto l’immunità contro un virus, fermandone efficacemente l’ulteriore diffusione.

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →