La guerra dei prezzi online, ora l’aggiornamento del costo dei prodotti, varia minuto dopo minuto

I giochi dei prezzi in rapida oscillazione sul web, già utilizzati dalle compagnie aeree e alberghi, si stanno espandendo più in profondità negli angoli più banali dell’economia del consumo.
I rivenditori, grazie alla nuova generazione di algoritmi, possono adeguare, ora per ora, talvolta minuto per minuto, il prezzo dei prodotti, tra questi, dalla semplice carta igienica, alle biciclette, agli elettrodomestici.
Recentemente, secondo i dati sui prezzi al consumo, compilati  dalla società di ricerca Decide Inc., per il Wall Street Journal , la guerra dei prezzi è stata combattuta per un forno a microonde elettrico: in un giorno, per nove volte,  i venditori su Amazon, hanno cambiato il prezzo, con oscillazioni tra i 744,46 e i 871,49 dollari.
Best Buy Inc. dopo che il prezzo su Amazon è sceso e nuovamente salito, ha risposto alzando il prezzo on-line del forno da 809,99 dollari a 899,99 dollari.
Gli adeguamenti più frequenti dei prezzi si verificano tra i negozi web che vendono prodotti su Amazon, dove è favorita la concorrenza spietata tra i distributori, in lizza per il primo posto tra i risultati di ricerca. Tra i più attivi, i negozi di abbigliamento per bambini, utilizzano il software per modificare i prezzi ogni quindici minuti, al fine di rimanere in cima alle classifiche.
Le compagnie aeree sono state tra le prime  nel 1990, a modificare i prezzi in base al numero di posti che avevano a disposizione su un volo, confrontandoli con i prezzi praticati dai concorrenti. Ben presto, sono state seguite dagli Hotel, questi, con i propri sistemi della gestione del rendimento, sono stati in grado di cambiare continuamente le tariffe delle camere. I rivenditori Internet, ora utilizzano un software simile. L’obiettivo è quello di mantenere il prezzo più basso, anche se solo per un penny, in modo da far apparire i loro prodotti in cima ai risultati di ricerca per catturare l’interesse all’acquisto da parte di chi spende confrontando i prezzi.
Mercent Corp., la società che fornisce il software utilizzato da Cookie, dice che ogni ora cambia il prezzo di due milioni di prodotti, in base a una varietà di fattori riferiti ai prezzi praticati dai concorrenti, quelli di spedizione, le restrizioni di prezzo del produttore e saldi di fine stagione. I rivenditori hanno la possibilità di scegliere le impostazioni del software per determinare la frequenza dell’adeguamento dei prezzi dei prodotti monitorati e quali siti web dei concorrenti devono essere ignorati.
I cambiamenti più frequenti dei prezzi riguarda l’elettronica di consumo, l’abbigliamento, le scarpe, i gioielli e prodotti per la casa come i detergenti e le lamette per i rasoi.
Eric Best, amministratore delegato di Mercent, adegua i prezzi di oltre quattrocento marchi, ha detto:
“Il lungo termine implica che il prezzo non è più un prezzo, per i fornitori che vendono su Amazon, il prezzo più basso su un prodotto è il modo più rapido per ottenere spazio nell’ambito del “Buy Box“, la pagina dove il 95% dei clienti controlla i dettagli del prodotto per aggiungerlo al carrello della spesa“.
Falack di Cookie, ha detto:
“Il cambiamento continuo dei prezzi aumenta esponenzialmente le vendite, ma richiede molta attenzione. La prima cosa che faccio per battere i concorrenti è impostare il software su una certa percentuale. Poi fisso un prezzo minimo al di sotto del quale non vado, infine limito il numero dei concorrenti da monitorare, inserendo solo quelli che hanno un minimo di due o un massimo di cinque stelle nel sistema di classificazione su Amazon”.
Hugh Lee, di Seattle, 32 anni, ha detto:
“L’oscillazione dei prezzi comporta più lavoro, prima di acquistare, faccio una ricerca sui prezzi più convenienti. Il controllo del prezzo lo faccio anche dopo l’acquisto online, se è calato, chiedo un adeguamento“.
La variazioni dei prezzi può essere drammatica. Recentemente i rivenditori su Amazon, nel corso della stessa giornata, hanno cambiato quattro volte il prezzo medio tra i 398 e i 424 dollari di un televisore al plasma, 43 pollici della Samsung:
Best Buy, verso mezzogiorno, prima di far scendere il prezzo, l’ha aumentato da 400 a 500 dollari;
Newegg, rivenditore di elettronica, la mattina ha alzato il prezzo da 500 a 600 dollari.
Amazon, Best Buy e Newegg, hanno rifiutato di rilasciare un commento.
Mohammed Rafi, fondatore della cultura del profitto,  società di consulenza a Cambridge, Massachusetts, aiuta i venditori di beni o merci al dettaglio, a stabilire strategie di prezzo, ha detto:
“Le aziende, prima dell’avvento dei software, inviavano i propri dipendenti nei  negozi dei loro concorrenti per annotare i prezzi a mano. Ora che l’e-commerce è decollato, per adeguare i prezzi, scansionano i siti web dei loro concorrenti“.
Niraj Shah, co-fondatore e CEO di Wayfair, per la vendita di mobili per la casa, ha detto:
“Il nuovo software ha notevolmente accelerato il processo, per esempio quando Wayfair, constata che rispetto alla concorrenza, sta vendendo un prodotto al di sotto del 5%, aumenta il prezzo per essere in linea con i prezzi del mercato”.
Oren Etzioni, professore di informatica presso l’Università di Washington, co-fondatore e capo tecnologo di Decide, ha detto:
“Nell’era di Internet, i prezzi fissi sono una cosa del passato”.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento