La guerra con la Corea del Nord? Un inferno, milioni di persone potrebbero morire

Ruben Gallego e Ted Lieu sono due veterani americani, hanno espresso la loro opinione su un possibile conflitto con la Corea del Nord. Ruben Gallego, democratico, rappresenta il 7° distretto congressuale dell’Arizona. E’ un veterano del Corpo dei Marines, fa parte del Comitato dei Servizi Armati.
Ted Lieu, democratico, rappresenta il 33° distretto congressuale della California, è membro dei comitati della Camera e degli affari esteri. E’ un veterano, colonello nelle Riserve Air Force.

«William Tecumseh Sherman generale statunitense, ufficiale unionista nella Guerra di secessione americana, sulla scia della guerra civile aveva detto: “La guerra è un inferno” ed è vero oggi come allora. Sfortunatamente, come veterani, abbiamo poca fiducia che il Presidente Trump abbia preso a cuore l’ammonimento di Sherman, questa mancanza di comprensione della vera natura del combattimento è preoccupante, specialmente alla luce dell’ultimo test del missile balistico della Corea del Nord.
Le parole infuocate di Trump e i tentativi di diplomazia, facendo ben poco per rallentare i progressi del programma nucleare del leader nordcoreano Kim Jong Un, hanno aumentato in modo rilevante la probabilità di una sanguinosa guerra nella penisola coreana.
Il presidente Trump deve adottare un approccio più intelligente con i nostri alleati nella regione e le nostre truppe sul campo. Negli ultimi mesi, ha risposto ai test missilistici nord-coreani con una raffica di affermazioni sempre più spericolate e incendiarie, sostenendo che i leader del regime “Capiscono solo una cosa!”, minacciando che: “Tra breve non saranno più in giro!”.
Inoltre, lo scorso mese a Seoul il suo discorso sulla linea dura da adottare e nelle ultime settimane su Twitter gli insulti infantili che ha rivolto a Kim Jong-un, sono serviti solo per sollevare tensioni.
Allarmati dai commenti del Presidente e dalla prospettiva di un’imminente guerra con la Corea del Nord, lo scorso ottobre abbiamo chiesto al Dipartimento della Difesa una stima dei costi umani e militari di un tale conflitto. La risposta è stata agghiacciante.
I Capi di Stato Maggiore in una lettera inviata il 4 novembre 2017 hanno comunicato che, qualora scoppiasse l’ostilità nella penisola coreana, sarebbe necessaria un’invasione di terra della Corea del Nord per localizzare e distruggere i suoi siti nucleari. Hanno anche evidenziato che Seoul e i suoi 25 milioni di abitanti sono a soli 56 km dal confine, ben all’interno della portata dell’artiglieria nordcoreana e dei missili balistici.
Ci ha scritto anche il generale Jan-Marc Jouas (ex vice comandante delle forze americane in Corea) per esprimere le sue preoccupazioni. Ha ammonito che per eliminare queste armi saranno necessari molti giorni di battaglia, durante i quali “si svilupperà un’enorme perdita di vite umane e crisi dei rifugiati, includerà oltre centomila americani non combattenti”.
In breve, una seconda guerra coreana sarebbe sanguinosa, un rapporto del servizio di ricerca congressuale, ha evidenziato che solo nei primi giorni di combattimenti, potrebbero morire 300.000 persone. Infatti, anche se la Corea del Nord decidesse di usare solo armi convenzionali, le truppe americane morirebbero in gran numero accanto alle forze sudcoreane e a masse d’innocenti civili.
La Corea del Nord potrebbe anche scegliere l’impiego del suo arsenale non convenzionale con effetti devastanti. Gli Stati Maggiori congiunti avvertono che vi sono forti ragioni per sospettare che la Corea del Nord in un conflitto scelga di utilizzare le proprie scorte di armi chimiche, biologiche o nucleari. E anche se la Cina e la Russia non vogliono la guerra in Corea, qualsiasi conflitto in quell’area ha il pericoloso potenziale di sfuggire al controllo in un disastro globale.
US-Korea Institute di Johns Hopkins ha stimato terribili conseguenze: “Se avvenisse l’impensabile, con le attuali stime sulle armi della Corea del Nord, le esplosioni nucleari su Seoul e Tokyo potrebbe tradursi in ben 2,1 milioni di morti e 7,7 milioni di feriti“.
Come veterani, comprendiamo che talvolta è necessario che il nostro paese vada in guerra per difendere i nostri amici e la nostra libertà. Tuttavia, come americani, dobbiamo sempre andare alla guerra con riluttanza e solo come ultima risorsa. In sintesi, quando inviamo in combattimento i nostri giovani uomini e donne in divisa, probabilmente incontro alla loro morte, deve essere perché non ci sono scelte migliori.
Esistono per la Corea del Nord soluzioni alternative alla guerra, nel tempo cominceranno a prendere piede. Il Congresso ha già approvato le misure associate al suo nuovo status di Stato sostenitore del terrorismo. Inoltre, l’amministrazione Trump dovrebbe identificare e comunicare una serie di azioni non militari, inclusi i rinnovati sforzi di propaganda rivolti al popolo nordcoreano posto sotto assedio, salvo che il regime di Kim Jong Un non ritorni al tavolo dei negoziati.
Abbiamo anche bisogno di investire di più nella difesa missilistica con sistemi in grado di abbattere i missili balistici intercontinentali. Infine, il Congresso deve ostacolare qualsiasi marcia verso la guerra chiedendo all’amministrazione di perseguire ogni possibile via diplomatica per mitigare questa crisi.
Uno dei motivi principali per cui abbiamo partecipato al Congresso come orgogliosi veterani è stato quello di evitare che altri giovani americani morissero sui campi di battaglia di paesi stranieri a causa degli errori dei leader politici della nostra nazione.
Il popolo americano e i nostri militari di fronte alla crescente minaccia della Corea del Nord, meritano un’amministrazione impegnata a esaurire tutte le opzioni prima di ricorrere alla forza militare».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →