La fine di un’era: Microsoft manda in pensione Windows XP, WLM, IE6 e Office 2003

Il mese di aprile 2013 segna l’inizio di un rinnovamento importante per i prodotti della famiglia Microsoft, in quanto l’azienda sta ora lavorando per mandare in pensione Windows XP, Windows Live Messenger, Internet Explorer 6, e Office 2003.
Windows XP, un sistema operativo molto popolare in tutto il mondo è ancora installato su oltre il 38 per cento dei computer collegati a Internet, andrà in pensione l’8 aprile 2014, Microsoft, di là di questa data non fornirà più aggiornamenti e patch di sicurezza. Naturalmente, tutti gli utenti sono invitati a effettuare il passaggio a un sistema operativo più recente, come Windows 7 e Windows 8, con quest’ultimo fortemente pubblicizzato attraverso una nuova campagna promozionale.
Mentre gli utenti di Windows XP non sono molto entusiasti  a passare a una versione più recente di Windows, i fan di Windows Live Messenger non hanno altra scelta, Microsoft ha annunciato che gli utenti di Windows Live Messenger non potranno più fare il login dall’8 aprile 2013, da questo giorno in poi, l’unico software di messaggistica funzionante sarà Skype. Microsoft invierà una notifica agli attuali utilizzatori di Windows Live Messenger e impedirà loro di effettuare il login. Cliccando sul messaggio, sarà scaricato e installato Skype, mentre il vecchio WLM sarà eliminato dal computer.
Tutti sono invitati a trasferirsi su Skype il più presto possibile, la buona notizia è che il client di terze parti che supportano Windows Live Messenger continuerà a funzionare per un certo periodo prima della chiusura definitiva.
Le statistiche di Internet Explorer 6 nel mondo mostrano che la Cina è l’unico paese in cui l’utilizzo supera il 25 per cento, per Microsoft mandare in pensione tutti questi prodotti ha un senso soprattutto perché l’azienda ora li può sostituire con soluzioni più veloci e più stabili, anche se milioni di utenti non sono d’accordo con questa decisione. Molte persone hanno già espresso l’intenzione di voler continuare a utilizzare Windows XP o Internet Explorer 6 dopo la data ufficiale di pensionamento, anche se la società non fornirà più patch per il supporto e la sicurezza per mantenere i propri dati al sicuro.

, , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento