La fine di Adobe Flash eliminerà milioni di siti

Milioni di siti saranno resi parzialmente non utilizzabili dal 31 dicembre 2020 quando Adobe smetterà di distribuire e aggiornare Flash Player la tecnologia progettata per visualizzare contenuti multimediali avanzati su internet.
Flash Player è nel braccio della morte dal 29 aprile 2010, da quando Steve Jobs co-fondatore e allora amministratore delegato di Apple Inc., ha pubblicato una lettera aperta intitolata Thoughts on Flash per spiegare che a causa delle scarse prestazioni, della mancanza di supporto touch e dell’emergere di nuovi standard web aperti, Apple non avrebbe consentito Flash su iPhone, iPod Touch e iPad. La lettera aperta all’epoca è stata una mossa estremamente controversa, ma ha accelerato il passaggio verso l’HTML5 il linguaggio di programmazione per il web e altre tecnologie web aperte, con Adobe che ha finalmente ammesso la sconfitta nel luglio 2017, annunciando che avrebbe interrotto lo sviluppo di Flash.

Incombe la data della fine di Adobe Flash
Il supporto per Flash dovrebbe cessare alla fine di quest’anno, un aggiornamento pubblicato da Adobe la scorsa settimana riporta:
«Adobe rimuoverà le pagine di download di Flash Player dal suo sito e i contenuti basati su Flash verranno bloccati in Adobe Flash Player dopo la data di scadenza. Adobe consiglia sempre di utilizzare il software più recente, supportato e aggiornato. Le versioni di Flash Player di terze parti non sono autorizzate da Adobe. I clienti non devono utilizzare versioni non autorizzate di Flash Player. I download non autorizzati sono una fonte comune di malware e virus. Adobe non ha alcuna responsabilità per le versioni non autorizzate di Flash Player e l’utilizzo da parte dei clienti di tali versioni è interamente a loro rischio».
Adobe Flash Player nel corso degli anni è stato integrato in molti browser, tra cui Google Chrome, Firefox e Microsoft Edge. Il supporto di Flash è già limitato nei browser, ad esempio, Chrome genera avvisi ogni volta che gli utenti tentano di accedere al contenuto Flash nel browser. Flash sarà inoltre ritirato da questi browser al più tardi all’inizio del 2021, togliendo agli utenti un luogo ufficiale dove andare se desiderano accedere a siti o contenuti basati su Flash.

Quanti siti usano ancora Flash?
La ricerca suggerisce che ci sono ancora centinaia di migliaia – se non milioni – di siti che contengono contenuti Flash. Il sito Technology Surveys misura le tecnologie utilizzate da circa 10 milioni di siti più importanti al mondo, indicizzati da Alexa (è l’agenzia di analisi web, da non confondere con l’assistente vocale di Amazon).
Alexa riporta che Flash nel mese di giugno è stato usato come linguaggio di programmazione lato client dal 2,6% dei siti che ha monitorato, equivale a 260.000 dei primi 10 milioni di siti che utilizzano ancora Flash.
Esistono varie stime di quanti siti ci siano nel mondo, con la maggior parte che suggerisce che sono tra 1,5 e 2 miliardi, significa che il numero di contenuti Flash attualmente in esecuzione sarà facilmente valutato in milioni, se non decine di milioni.

Progetto Flashpoint di BlueMaxima per salvare i giochi online basati su Flash
La storia di Internet è importante e i contenuti realizzati su piattaforme come Adobe Flash costituiscono una parte significativa di quella cultura destinata all’oscurità. Il progetto Flashpoint di BlueMaxima è dedicato a preservare il maggior numero possibile di giochi e animazioni da queste piattaforme: per non perdere tempo, dall’inizio del 2018, oltre un centinaio di collaboratori hanno aiutato Flashpoint a salvare oltre 49.000 giochi e 3.600 animazioni in esecuzione su 16 diverse piattaforme (vedi il video).

La versione Flashpoint 8.0 è scaricabile dal sito di BlueMaxima. Flashpoint utilizza una vasta selezione di software open source. È scritto:
«Combinando la potenza personalizzata di Apache e la nostra applicazione chiamata Flashpoint Secure Player, possiamo riprodurre contenuti multimediali basati su Web in un ambiente rapido e intuitivo senza lasciare modifiche permanenti o falle di sicurezza sul computer. Ulteriori informazioni su Flashpoint sono disponibili nella barra superiore della pagina del sito».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →