La fine della neutralità della rete potrebbe cambiare la nostra vita su Internet

Ajit Pai presidente della Commissione federale delle comunicazioni ha annunciato la proposta di abrogare le norme sulla neutralità della rete stabilite dall’amministrazione Obama nel 2015. Se approvata, cambierà radicalmente il modo in cui gli americani (e non solo) accederanno a Internet.

Che cos’è la neutralità della rete?
La neutralità della rete è un principio (spesso sancito da norme giuridiche) secondo il quale i fornitori di servizi Internet (ISP) devono trattare tutte le fonti di dati allo stesso modo, vietando loro di discriminare l’utente, la fonte o il contenuto: in pratica, tutti i dati devono  essere consultati alla stessa velocità di tutti gli altri dati. I siti web non possono essere bloccati dagli ISP. Per noi utenti significa che tutti i siti web che vogliamo vedere sono trattati allo stesso modo dalla nostra connessione internet.

Neutralità della rete, qual è la situazione attuale?
Il presidente Ajit Pai (due anni fa ha votato contro l’attuazione della neutralità della rete), ha detto che al momento “Internet non è rotto”, e “Non c’è nessun problema da risolvere”. Considera i regolamenti superflui ed eccessivi, non è mai mancato il suo atteggiamento sulla burocrazia, con i regolamenti che appesantirebbero eccessivamente le imprese, scoraggerebbero gli investimenti e l’innovazione. Oggi ha dichiarato: «In base alla mia proposta, il governo federale smetterà di gestire Internet con il micromanagement».
I fornitori di servizi Internet (ISP) accusati di offrire servizi scadenti a costi eccessivi, sostengono che la fine della neutralità della rete comporterà nuovi investimenti in infrastrutture e nuovi modelli di fornitura di servizi Internet. Sottolineano come alcuni siti web occupino più larghezza di banda rispetto ad altri, per questo il trattare diversamente i dati potrebbe migliorare l’efficienza complessiva: chiedono che il costo per i dati di grandi dimensioni, in parte sia rapportato alla capacità della larghezza di banda utilizzata.
I sostenitori della neutralità della rete rilevano che una mancanza di norma provocherà rallentamenti di Internet come già accaduto con i servizi Netflix, rallentati da Comcast fino a quando Netflix non ha accettato di pagare per velocità più elevate. Essi temono anche la creazione di Internet a due corsie: una veloce per le aziende che accettano di pagare per usarla, e una corsia lenta per tutti gli altri.
Evidenziano che lo scenario peggiore potrebbe essere quello in cui alcuni siti web sono bloccati dagli ISP per motivi politici. E’ una loro possibilità giuridica. Ribadiscono il principio secondo cui gli ISP non dovrebbero avere alcuna voce in capitolo nell’utilizzo dell’accesso a Internet da parte del cliente.
Gli ISP mentre sarebbero in grado di addebitare ai fornitori di contenuti il trattamento preferenziale, potenzialmente anche rallentare o bloccare l’accesso ad alcuni siti, la proposta di abrogare le norme sulla neutralità della rete include una clausola che richiederebbe loro, di essere trasparenti nel modo in cui trattano le fonti particolari per i dati, consentendo ai clienti di sapere come sono gestiti e se saranno in grado di accedere alla stessa velocità a tutte le sezioni di Internet che vogliono vedere.

Che cosa significherà la fine della neutralità della rete?
Dipende da molti fattori, se sei un utente, puoi vedere cambiamenti nella velocità massima di alcuni siti web, alcuni servizi, come Netflix, potrebbero aumentare i prezzi per garantire l’accesso a tutti i loro clienti. Il Wall Street Journal ha suggerito che gli ISP saranno più liberi di offrire pacchetti di canali a basso costo ad alta velocità, potenzialmente risparmiando denaro per alcuni clienti e fornendo loro un servizio più veloce.
Il dibattito sulla proposta di abrogazione della neutralità della rete proseguirà fino al 14 dicembre 2017 (è molto bassa la possibilità che la nuova proposta sia respinta), nel frattempo continueranno a essere in vigore le norme stabilite dall’amministrazione Obama nel 2015.

Quali paesi non ha la neutralità della rete?
In Portogallo, non ci sono regole di neutralità della rete, i pacchetti Internet già esistono. Gli altri paesi che non applicano la neutralità della rete includono Argentina, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Cina, Francia, Israele, Italia, Giappone, Paesi Bassi, Russia, Corea del Sud e Slovenia.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →