Kabul il primo cinema per le donne è più di un semplice luogo per guardare i film

A Kabul all’interno di un elegante centro commerciale è in corso una silenziosa rivoluzione di genere, rispetto ad altre sale cinematografiche, il Galaxy Family Miniplex, appare ordinato e moderno, ma la differenza più grande è il pubblico. Rohina Haroon ha ventinove anni, ha detto:
«Qui ti senti libera, si vedono donne che spesso entrano senza un mahram (un membro della famiglia, che può essere anche una scorta). Il Galaxy Family Miniplex è il primo cinema in Afghanistan riservato alle donne, è la quarta volta che lo frequento».
I cinema in Afghanistan negli ultimi 15 anni considerati off-limits e inadeguati per le donne, sono stati esclusivamente il territorio degli uomini. In una recente visita al Pamir Cinema, una delle più antiche sale cinematografiche di Kabul, il locale era pieno di fumo di marijuana mentre il pubblico formato da ragazzi e uomini fischiava e batteva le mani quando un personaggio femminile appariva sul grande schermo.
Abu Bakar Gharzai trentaquattro anni, è il proprietario del Galaxy Family Miniplex, l’ha aperto a marzo del 2016, ha detto:
«Costruire un cinema riservato alle donne in Afghanistan era qualcosa d’impensabile. Rifugiato in Pakistan, in seguito ho studiato in India, nel 2008 quanto sono tornato in Afghanistan avevo notato che non c’erano molti posti dove andare con la famiglia, in India potevo frequentare il cinema con mia moglie».
Il cinema in Afghanistan non sempre è stato esclusivo appannaggio degli uomini, Kabul durante il governo di re Mohammad Zahir Shah, dal 1933 fino al 1973, e il regime comunista, dal 1978 fino al 1989, sembrava molto diversa da oggi, non era raro vedere donne in minigonna, senza velo, studiare o lavorare. Le sale cinematografiche erano una comune forma d’intrattenimento per uomini e donne, poi nei primi anni ’90 quando è scoppiata la guerra civile e, i mujaheddin, i combattenti della resistenza islamica hanno assunto la guida, i cinema sono stati trascurati. Era permesso frequentare i teatri, ma le canzoni popolari in particolare quelle nei film indiani sono state censurate. Il cinema quando i talebani hanno assunto il potere nel 1996, è stato fortemente penalizzato, vietati i film, la televisione e la maggior parte della musica.
Il cinema  nel 2001 dopo la caduta dei talebani, ha aperto le porte dopo una lunga pausa, ma gli effetti del fondamentalismo religioso sono stati lenti a svanire, i film sono rimasti una forma quasi illecita d’intrattenimento, molti uomini spesso erano in imbarazzo ad ammettere di andare al cinema. Abu Bakar Gharzai ha aggiunto:
«Ho ricevuto minaccia online dai fondamentalisti religiosi. Oggi anche se per le donne non c’è il divieto specifico di trascorrere un pomeriggio al cinema, la maggior parte resta a distanza per paura di molestie, o perché le loro famiglie non le lasciano andare».
Sevita Durrani ventotto anni, per la prima volta è entrata al Galaxy Family Miniplex, ha detto:
«Credo che le donne in Afghanistan non vadano al cinema perché non è gradito ai loro mariti e famiglie, pensano che sia un luogo con troppi uomini».
Rohina Haroon ha aggiunto: «A Kabul non ero mai andata al cinema, perché sono pieni di uomini single, mi fanno sentire a disagio. La maggior parte delle sale cinematografiche della città, sono frequentate da operai, negozianti, macellai, e disoccupati in cerca di un paio d’ore di divertimento. Il costo del biglietto del Pamir Cinema è meno di un dollaro. Gli uomini spesso sono turbolenti, si alzano dai loro posti, nel bel mezzo della proiezione cantano e danzano».
Rohid ventenne ha detto:
«Il pubblico maschile molesta le donne al cinema, si può vedere come le insegue per le strade. La società non è progredita abbastanza da consentire alle donne di andare al cinema».
Il biglietto del Galaxy Family Miniplex costa quasi cinque volte più degli altri cinema, gli uomini possono frequentare le proiezioni solo se hanno una famiglia, o se non ci sono donne presenti.
Il Galaxy Family Miniplex per alcune donne è molto più di un cinema, è un luogo, dove possono andare a rilassarsi. Helen ha sedici anni, viene spesso al cinema, non per vedere il film ma solo per uscire. Seduta con un amico di fronte alla biglietteria, sgranocchia il pop-corn, anche se non c’è tanto spazio per sedersi e parlare, preferisce la zona cinema ai numerosi bar e ristoranti che sono ospitati nello stesso centro commerciale, ha detto: «Questo è il luogo migliore, più sicuro per le donne».
Sevita Durrani ha aggiunto: «E’ bene che ci sia un posto così a Kabul, le donne hanno bisogno d’intrattenimento».
Abu Bakar Gharzai è d’accordo: «La gente a volte dimentica che le donne sono esseri umani».