La Juve beffata da Rudi Garcia, fa trenta davanti alla tv (vignetta)

Ora sono 30. Anche per la contabilità ufficiale. Quella che tanto piace alla Lega calcio e molto poco agli juventini. Che non a caso insistono: quello di cartone conquistato ieri dalla Juventus, il terzo consecutivo da quando Antonio Conte ha preso il timone della squadra, è il 32° scudetto. «Non c’è 2 senza 3» recita la maglietta preparata per l’occasione. Con i due numeri messi in modo da formare un bel 32. Sulla carta.
Peccato che, per un beffardo scherzo di Rudi Garcia, i tifosi bianconeri lo abbiano vinto comodamente seduti in poltrona, davanti ad un televisore che trasmetteva le immagini di Catania-Roma.

Scudetto-della-Juve-vinto-s
Lo scherzetto giallorosso era stato annunciato dalle frasi di Rudi Garcia che, giusto sabato, aveva riconosciuto i meriti dell’avversario (dimenticando, maliziosamente, di citare Conte) e deposto le armi. E ora che la sconfitta è arrivata, qualcuno pensa maliziosamente che la Roma abbia voluto mettersi al riparo dal rischio più grande: quello di vedere la Juventus conquistare il titolo all’Olimpico.
Missione compiuta, la Juventus pressata dalla Roma di Rudi Garcia ha perso energie e gamba per superare il Benfica e giocarsi la finale di Europa League in casa allo Juventus Stadium.
Missione compiuta, la Juventus aveva organizzato la festa scudetto a Roma, è stata “costretta” a rimanere seduta in poltrona per la gioia di tutti i tifosi romanisti.