James Harrison ha 81 anni e sangue speciale, con 1.173 donazioni ha salvato 2,4 milioni di neonati

Sydney Morning Herald riporta che James Harrison, 81 anni, conosciuto come “l’uomo con il braccio d’oro”, si è ritirato dopo aver fatto 1.173 donazioni di sangue, in 60 anni ha salvato la vita a 2,4 milioni di neonati. Ha detto: «E’ un giorno triste per me, la fine di una lunga corsa».
La storia di James Harrison è così degna di nota non solo per l’alto numero di donazioni, il suo plasma sanguigno è speciale, contiene alti livelli di un anticorpo usato per fare un farmaco salvavita per i neonati. Ecco come funziona.

Il sangue di James Harrison può aiutare le donne e i bambini non ancora nati con incompatibilità Rh
US National Heart, Lung, and Blood Institute (NHLBI), spiega:
«Rh si riferisce al fattore Rh (la presenza di un antigene, in questo caso di una proteina, sulla superficie dei globuli rossi o eritrociti). Le persone che hanno il fattore Rh sono Rh-positive, quelle che non l’hanno sono Rh-negative: se una madre è Rh-negativa e il suo bambino non ancora nato è Rh-positivo, ha un’incompatibilità Rh, ciò può essere un problema. Durante la gravidanza, parte del sangue del bambino può incrociarsi nel flusso sanguigno della madre. Se una mamma e un bambino hanno l’incompatibilità Rh, il corpo della madre reagirà alle cellule del sangue del bambino come se fossero invasori stranieri, creando anticorpi per attaccarle e distruggerle. Nella prima gravidanza di una donna, questo di solito non è un problema perché il bambino nasce prima che la mamma possa sviluppare questi anticorpi».
Stanford Children’s Health riporta che gli anticorpi dopo la prima gravidanza restano nel corpo di una madre, se rimane nuovamente incinta con un altro bambino Rh-positivo, può verificarsi una malattia emolitica del neonato (HDN). Le terrificanti complicanze possono includere anemia, ittero, insufficienza cardiaca, danni cerebrali e persino la morte.

Le mamme Rh-negative con bambini Rh-positivi possono prendere un medicinale per prevenire il HDN
Stanford Children’s Health spiega:
«L’immunoglobulina RhD (detta anche anti-D) è un’iniezione che può prevenire il HDN. E’ composta dal plasma di donatori come James Harrison. Gli anticorpi unici di questi donatori, quando iniettati in una madre Rh-negativa, impediscono al suo corpo di attaccare le cellule del bambino Rh-positivo. Molte donne ricevono dosi alla 28ª settimana di gravidanza e nuovamente entro 72 ore dal parto».

James Harrison è stato ispirato a donare il sangue dopo un intervento chirurgico in età giovanile
Il sito Australian Red Cross Blood Service, riporta:
«James Harrison all’età di 14 anni ha subito un importante intervento chirurgico al torace, ricevendo trasfusioni di sangue che gli hanno salvato la vita. Ha promesso di diventare lui stesso donatore di sangue, ha iniziato non appena era abbastanza grande. Dopo più di un decennio di donazioni di sangue, furono scoperti i suo speciali anticorpi, passò alla donazione di plasma».
Il sangue di James Harrison dal 1976 è stato utilizzato in oltre 3 milioni d’iniezioni somministrate a donne australiane Rh-negative. La Croce rossa australiana, servizio sangue, analizzando i dati sulle nascite australiane, ha stabilito che le sue donazioni di sangue hanno salvato 2,4 milioni di neonati».
James Harrison per raggiunti limiti di età non potrà più donare il suo sangue, ha detto che se dipendesse da lui, avrebbe continuato a offrire il suo braccio d’oro per donare ancora più sangue.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Notify via Email Only if someone replies to My Comment