Instagram per la salute mentale dei giovani è il peggior social network

La Royal Society for Public Health (RSPH) insieme al movimento Young Health ha condotto uno studio sugli impatti dei social media sulla salute mentale dei giovani, ha scoperto che psicologicamente Instagram potrebbe essere il social network più dannoso.
Le organizzazioni hanno svolto un’indagine su quasi 1.500 giovani residenti nel Regno Unito, chiedendo loro di classificare le piattaforme di social media più popolari in base al loro impatto su aspetti di salute e benessere come la qualità del sonno, la depressione, l’immagine del corpo ansioso, le relazioni del mondo reale e la paura di perdere (quest’ultima indicata con l’acronimo FOMO, sta per Fear Of Missing Out, paura di essere “tagliati fuori”, induce a controllare continuamente il cellulare. Un comportamento che determina ansia).
Lo studio #StatusofMind, include una “classifica” di piattaforme di social media basate sulle risposte del sondaggio, classifica le piattaforme in base al loro impatto sulla salute mentale dei giovani.
YouTube è stata giudicata la più vantaggiosa tra le cinque piattaforme più popolari, seguita da Twitter e poi da Facebook. Snapchat e Instagram sono apparsi in fondo alla classifica.
Le organizzazioni che hanno contribuito alla stesura del documento chiedono l’intervento del governo – nonché quello delle aziende dei social media – per affrontare gli impatti negativi dei social media, promuovendone nel frattempo gli aspetti positivi.
Il dottor Becky Inkster, neuroscienziato dell’Università di Cambridge, ha detto:
«Per i giovani, utilizzare i social media e le tecnologie digitali come strumento per aiutare la salute mentale è sensato per molte ragioni. I social media fanno parte della loro vita quotidiana, quindi l’assistenza potrebbe essere fornita con un approccio autogestito e integrato nello stile di vita.
Tale prospettiva olistica potrebbe integrare gli interessi e le attività personali. Potrebbe aiutare a migliorare la psicoeducazione, aumentare l’autoconsapevolezza della salute mentale e agire come misura preventiva».
Le raccomandazioni del documento includono l’implementazione di avvisi popup per sensibilizzare gli utenti sull’uso intensivo dei social media (supportati dal 71% degli intervistati), che evidenzino quando le foto delle persone sono state manipolate digitalmente (supportate dal 68%) e che richiedano alle aziende dei social media di identificare gli utenti che potrebbero essere affetti da malattie mentali e di fornire supporto per la segnalazione (supportate dall’80%).
Shirley Cramer, amministratore delegato di Royal Society for Public Health (RSPH), ha detto:
«I social media sono stati descritti come più coinvolgenti delle sigarette e dell’alcol, ora sono così radicati nella vita dei giovani che non è più possibile ignorarli quando si parla dei loro problemi di salute mentale. E’ interessante vedere Instagram e Snapchat classificarsi come i peggiori per la salute mentale e il benessere, entrambe le piattaforme sono molto incentrate sull’immagine, sembra che stiano suscitando nei giovani sentimenti d’inadeguatezza e ansia.
Man mano che cresce l’evidenza che potrebbero esserci potenziali danni causati dall’uso intensivo dei social media, e man mano che miglioriamo lo stato di salute mentale all’interno della società, è importante avere controlli ed equilibri per rendere i social media meno inospitali quando si tratta della salute mentale e del benessere dei giovani.
Vogliamo promuovere e incoraggiare i molti aspetti positivi delle piattaforme di networking ed evitare una situazione che porti alla psicosi dei social media, che potrebbe rovinare la vita dei nostri giovani».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento