Innolith afferma di aver creato una batteria per auto elettrica con 1.000 chilometri di autonomia

Le case automobilistiche elettriche da qualche tempo chiedono a gran voce una svolta della batteria che migliorerà la gamma dei loro veicoli e ne prolungherà la durata. Innolith, una startup svizzera, afferma che le sue nuove batterie agli ioni di litio ad alta densità possono fare proprio questo.
La società dichiara di aver realizzato al mondo la prima batteria ricaricabile da 1.000 Wh / kg (Watt-ora per chilogrammo è un’unità di misura comunemente usata per descrivere la densità di energia nelle batterie); nel confronto le batterie che Tesla usa nel suo Modello 3, le cosiddette 2170 celle, sono stimate a 250 Wh / kg; l’azienda prevede di spingerla a 330 Wh / kg.
Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti nel frattempo sta finanziando un programma per creare batterie da 500 Wh / kg. Se le affermazioni di Innolith si rivelassero vere, la sua batteria ad alta densità potrebbe aver appena superato questi obiettivi.
Alan Greenshields presidente di Innolith in un’intervista a The Verge ha detto:
«E’ un grande salto, fondamentalmente, in termini approssimativi, equivale a quattro volte l’attuale livello tecnologico per gli ioni di litio. Circa tre volte quello che è generalmente accettato come il prossimo miglioramento del litio. Ed è due volte l’obiettivo di densità energetica che organizzazioni come il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha fissato; quindi questo è un grosso problema».
La batteria con quella densità con una singola carica sarebbe in grado di alimentare un’automobile elettrica per 1.000 chilometri (621 miglia). Si tratta di ordini di grandezza migliori delle batterie agli ioni di litio attualmente sul mercato. Le batterie Tesla, prodotte da Panasonic, nei modelli più costosi possono supportare una distanza di 531 chilometri.
La maggior parte dei fabbricanti d’automobili principali sta puntando su una gamma simile nei loro veicoli elettrici, altri, come il produttore di auto elettriche Henrik Fisker, ripongono le loro speranze nella tecnologia delle batterie a stato solido, che, secondo loro, può raggiungere fino a 804 chilometri di autonomia.
Gran parte delle auto elettriche attuali sono alimentate da batterie agli ioni di litio “bagnate”, utilizzano elettroliti liquidi per spostare l’energia. Le batterie a stato solido hanno celle fatte di materiale solido e conduttivo “asciutto”, ma questa tecnologia è ancora bloccata in laboratorio e non è ancora arrivata alla produzione.
Innolith utilizza ancora elettroliti liquidi “umidi” nelle sue batterie agli ioni di litio, ma c’è una differenza importante: l’azienda sostituisce il solvente organico (e altamente infiammabile) contenente gli elettroliti con una sostanza inorganica più stabile e meno infiammabile.
Alan Greenshields ha aggiunto:
«Togliamo i materiali organici e li sostituiamo con materiali inorganici o fondamentalmente simili al sale, ciò permette di eliminare il rischio d’incendio perché non c’è niente da bruciare, e anche di sbarazzarsi dei componenti più reattivi del sistema, il che rende più facile costruire una batteria dove si può accumulare molta energia senza che diventi instabile.
I materiali organici presenti nella maggior parte delle batterie agli ioni di litio sono la “principale fonte di reazioni collaterali”, che, nel tempo, possono consumare i materiali attivi della batteria e trasformare l’intero sistema a circuito chiuso in qualcosa di “non produttivo”».
Innolith sostiene che la sua nuova batteria ha eliminato questo problema, porterà la sua innovativa batteria sul mercato attraverso una produzione pilota iniziale in Germania, seguita da partnership di licenza con le principali aziende automobilistiche e di batterie (Alan Greenshields ha citato l’India come un paese che potrebbe essere interessato alla tecnologia di Innolith).
Lo sviluppo e la commercializzazione richiederanno probabilmente da tre a cinque anni, il che significa che la batteria di Innolith sarà pronta per andare sul mercato non prima del 2022.
Alan Greenshields e Sergey Buchin CEO di Innolith sono ben consapevoli che molto potrà accadere dall’oggi al domani. I due uomini in precedenza erano rispettivamente il “chief technology officer” e “chief operating officer” del produttore svizzero di batterie Alevo, società che ha presentato istanza di fallimento nel 2017 dopo aver scommesso sulla capacità produttiva a Charlotte (si trova nei pressi del confine con la Carolina del Sud); anche un investimento di un miliardario russo legato al presidente Donald Trump non è riuscito a salvare l’azienda.
Alan Greenshields e Sergey Buchin dopo il deposito del Capitolo 11 (negli Stati Uniti il Capitolo 11 – Nozioni di base sul fallimento, è un capitolo del codice fallimentare, generalmente prevede una riorganizzazione, di solito coinvolge una società o una partnership. Il debitore del capitolo 11 normalmente propone un piano di riorganizzazione per mantenere viva la sua attività e pagare i creditori nel tempo), hanno organizzato l’acquisto della proprietà intellettuale di Alevo e hanno stabilito una sede centrale a Basilea, in Svizzera. Hanno inoltre acquistato il suo impianto di ricerca e sviluppo a Bruchsal, in Germania, dove intendono avviare la loro produzione pilota.
L’azienda in teoria è già attiva. La tecnologia delle batterie è stata concessa in licenza a PJM Grid, che, secondo il suo sito web: “coordina il movimento dell’elettricità all’ingrosso in tutto o in parte della Delaware, Illinois, Indiana, Kentucky, Maryland, Michigan, New Jersey, North Carolina, Ohio, Pennsylvania, Tennessee, Virginia, West Virginia e il distretto di Columbia”.
PJM ha testato una batteria Innolith “GridBank” in scala a Hagerstown, in Maryland.
Alan Greenshields in conclusione ha detto:
«Questa è la prima volta in assoluto che una batteria al litio ricaricabile che utilizza elettroliti inorganici è stata utilizzata commercialmente».
Ciò, si spera, contribuirà a rafforzare la reputazione di Innolith mentre si prepara a mettere in produzione la sua batteria ad alta energia e ad alta densità.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →