Iniziata sperimentazione clinica per il farmaco sviluppato dall’intelligenza artificiale

Lo sviluppo di nuovi farmaci è un processo che richiede tempo, di solito con soggetti umani dall’inizio di un progetto alla prima sperimentazione clinica ci vogliono circa cinque anni. La startup britannica Exscientia, insieme alla società giapponese Sumitomo Dainippon Pharma, è stata in grado di ridurre questo periodo a poco meno di un anno, hanno usato l’intelligenza artificiale per testare diversi ingredienti attivi e possibili combinazioni. Il confronto con vari altri dati e parametri hanno permesso di elaborare rapidamente i metodi di cura più promettenti. La curva d’apprendimento in laboratorio di conseguenza è stata significativamente più veloce, i primi studi su soggetti umani possono già iniziare.

In fase di studio anche altri farmaci sviluppati dall’intelligenza artificiale
In effetti, nessun altro farmaco in precedenza progettato dall’intelligenza artificiale è progredito nel rigoroso processo d’approvazione. Il nuovo farmaco contiene un ingrediente attivo per il trattamento di pazienti con disturbo ossessivo-compulsivo (DOC). La sviluppo di un farmaco in genere richiede circa cinque anni per essere processato, ma questo farmaco sviluppato dall’intelligenza artificiale ha richiesto solo 12 mesi.
Le due aziende coinvolte, hanno affermato che questo sarà solo l’inizio: ora stanno lavorando in modo simile a nuovi farmaci contro il cancro e le malattie cardiovascolari. Gli studi clinici sono programmati per iniziare alla fine del 2020.
Il prof. Andrew Hopkins, fondatore e CEO di Exscientia, parla già di “un’importante pietra miliare nello sviluppo dei medicinali” e prevede: “Entro la fine del decennio, tutti i nuovi farmaci potrebbero essere creati con l’aiuto dell’intelligenza artificiale”. Ha detto:
«L’intelligenza artificiale è stata utilizzata per diagnosticare i pazienti e per analizzare i dati e le scansioni dei pazienti. Noi abbiamo utilizzato direttamente l’intelligenza artificiale per la creazione di un nuovo medicinale. La molecola nota come DSP-1181 è stata creata utilizzando algoritmi che hanno individuato i potenziali composti, confrontandoli con un enorme database di parametri. La bellezza degli algoritmi è che sono agnostici, quindi possono essere applicati a qualsiasi malattia».

L’intelligenza artificiale già utilizzata anche nella diagnostica
Il fatto che l’intelligenza artificiale sia utilizzata anche nell’area di ricerca delle aziende farmaceutiche è uno sviluppo relativamente nuovo. Gli esperti hanno da tempo sottolineato che il settore sanitario in molte aree sta progredendo con l’utilizzo dell’intelligenza artificiale, il processo più avanzato è nel campo della diagnostica.
Gli algoritmi, ad esempio, possono essere utilizzati per cercare determinati risultati dell’esame per individuare anomalie e per informare un medico umano in caso di dubbio. Nella mammografia un algoritmo specifico per lo screening del cancro al seno, rispetto agli specialisti umani ha già ottenuto migliori risultati. Tuttavia, ci sono stati anche casi in cui il sistema ha commesso qualche errore considerato innocuo.
I migliori risultati in definitiva saranno raggiunti in tutte le aree quando specialisti umani e intelligenza artificiale si completeranno a vicenda in modo rilevante.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →