Inghilterra – L’automobilista senza assicurazione, non potrà fare rifornimento di benzina

Telecamere per il riconoscimento automatico delle targhe (ANPR), sono già state installate in migliaia di stazioni di servizio. I funzionari governativi, in questo modo, sperano di reprimere 1.400.000 automobilisti che guidano senza assicurazione.

L’automobilista, una volta registrato dalle telecamere delle stazioni di servizio, non potrà fare successivi rifornimenti se la sua targa figurerà tra quelle di veicoli privi d’assicurazione.
Il sistema attualmente è utilizzato per rintracciare gli automobilisti che si allontanano dalle stazioni di servizio senza aver pagato la benzina.
I nuovi piani del governo, prevedono d’incrociare i dati della Motorizzazione con quelli delle targhe automobilistiche, registrate automaticamente dalle telecamere delle stazioni di servizio. In questo modo, quando un veicolo risulterà segnalato come non assicurato, il sistema impedirà alla pompa della stazione di servizio di erogare il carburante. La proposta avrà un enorme impatto, i conducenti per poter utilizzare il loro veicolo dovranno per forza assicurarlo.
Il Regno Unito, in campo assicurativo, ha uno dei peggiori record in Europa: quasi un terzo degli automobilisti guida senza assicurazione, mediamente, ogni anno, sono tra i responsabili d’incidenti con ventitremila persone ferite e centosessanta uccise.
I funzionari governativi hanno fissato un incontro per discutere l’idea con i più importanti rappresentanti delle compagnie petrolifere.
Brian Madderson, rappresentante della RMI Petrol Retailers Association, stazioni di servizio indipendenti, ha qualche perplessità, ha detto:
“Gli automobilisti esasperati dall’aumento dei  prezzi del carburante si sfogano pesantemente con gli addetti alle stazioni di servizio. La  proposta aumenterà il conflitto. I benzinai non sono elementi delle  forze dell’ordine“.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento