In Cina la pattumiera inglese

A Lian Jiao città cinese, i fiumi sono neri, i cieli rossi, l’aria drammaticamente irrespirabile.
Nella città pattumiera che si trova nella provincia di Guangdong – una delle regioni più grandi della Cina, con una popolazione di più di 100 millioni di abitanti -, la tossicità ambientale è catastrofica. Greenpeace ha rilevato nel vasto territorio il 55 per cento di precipitazioni di pioggia acida.
In questo "inferno", arrivano dalle zone rurali migliaia di cinesi, nuclei famigliari con donne e bambini, mano d’opera a buon mercato per riciclare montagne di rifiuti provenienti dalla Gran Bretagna. Nel giro di qualche anno, giovani e meno giovani vengono colpiti da febbre, tosse, contaminazione della pelle e affezioni polmonari; molti sviluppano il cancro e muoiono.
Le industrie del Regno Unito – quelle della plastica in particolare -, preferiscono lavorare le materie prime, nessuna forma di riciclaggio; lavoro che lasciano volentieri alle fabbriche cinesi che riciclano la plastica per produrre bottiglie, contenitori per CD e materiali per la copertura dei tetti per i giardini. Giardini che a Lian Jiao, città cinese diventata tristemente nota come la "pattumiera inglese", sono solo montagne di rifiuti tossici.
Fonte: liberamente tradotta da Daily Mail

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

4 thoughts on “In Cina la pattumiera inglese

  1. Ti leggo spesso, ma ho un collegamento a tempo che mi lascia poco spazio.

    Scarico poi leggo con calma.

    Paolo

Lascia un commento