Imprenditore rifiuta il lavoro a un nigeriano: colpa del mio cane, morde tutti quelli che non sono bianchi

Un imprenditore belga, balzato ai disonori della cronaca per non aver assunto un lavoratore nigeriano, ha giustificato il rifiuto, incolpando il suo cane razzista, a suo dire, abituato a mordere tutti quelli che non sono bianchi.
Il giornale belga "De Standaard", scrive che l’Ufficio di collocamento aveva invitato il nigeriano, un disoccupato di 53 anni, a presentarsi nella sede commerciale dellì’azienda metallurgica dell’imprenditore belga, per essere assunto come saldatore. Il nigeriano, appena arrivato vicino agli uffici della direzione è stato aggredito dall’abbaiare del cane.
L’imprenditore belga, scrutato il nigeriano, l’ha allontanato impedendogli di entrare negli uffici. Successivamente ha spedito una lettera all’ufficio di collocamento, sottolineando che non se la sentiva di assumere il nigeriano con la pelle scura, preferiva sottrarlo ai pericolosi morsi del suo cane.
L’ufficio di collocamento, dopo una breve indagine, costatata l’indole razzista dell’imprenditore, l’ha depennato dall’elenco dei possibili datori di lavoro.
L’uomo d’affari belga, intervistato dal giornale ”De Standard”, ha "abbaiato" la sua innocenza: "Il mio cane è razzista, non io".
Il nigeriano vive in Belgio da 32 anni, ha affermato che non è la prima volta che si è visto rifiutare il lavoro a causa del colore della sua pelle, altri datori di lavoro, quando hanno rifiutato di assumerlo, sono stati "meno razzisti". Amareggiato ha annunciato che non presenterà nessuna protesta ufficiale, perché non desidera far troppo clamore e far arrivare la notizia ai suoi parenti che vivono in Nigeria.
Liberamente tradotto da NewsYahoo

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

7 thoughts on “Imprenditore rifiuta il lavoro a un nigeriano: colpa del mio cane, morde tutti quelli che non sono bianchi

  1. ehm, conosco un pco il wolof parlato dal cane.E’ stato mal interpretato: cercava di dire, abbaiando:lasciate perdere sto qua,che si crede il mio padrone, e non che una rima con..

  2. Sarà più pericoloso un CANE PADRONE o un PADRONE CANE????

    Buona meditazione a tutti!!!!!

    Ciao caro Patti!!!!!

  3. Se ne sentono di tutti colori. Ma il cane “razzista” mancava all’appello. Ora, per fortuna, anche questa lacuna è colmata. Chissà se abbaia anche agli asiatici e ai pellerossa…

    E saprà riconoscere con un’annusata i piccoli creti?

    Un sorriso mattutino

    Mister X di Comicomix

  4. beh io difendo sempre gli animali…

    magari aveva ragione il cane

    nel senso che ha sentito che il nigeriano non amava i cani…..

    è possibilissimo^

Lascia un commento