Importante scoperta, i pericolosi "super batteri" negli ospedali, annientati con fasci di luce

La tecnica è stata sviluppata dai ricercatori dell’Università di Strathclyde, utilizza la banda stretta della lunghezza d’onda della luce visibile (Hins) centrata su 405 nm, su questo valore decontamina l’aria e le superfici esposte ai batteri.
Gli studi clinici presso la Glasgow Royal Infirmary hanno dimostrato che la luce ambientale con il sistema di decontaminazione Hins (EDS), fornisce una maggiore e significativa riduzione di batteri patogeni in ambiente ospedaliero, migliora il risultato ottenuto mediante pulizia e disinfezione. La scoperta segna un enorme passo avanti nella capacità degli ospedali per prevenire la diffusione dell’infezione.
La nuova tecnologia per la decontaminazione che riduce dell’86% i livelli batterici in superficie, è stata scoperta e sviluppata da Scott MacGregor (ingegnere elettronico), John Anderson e Michelle Maclean (microbiologi – v. foto), e Gerry Woolsey (fisico ottico).
I test clinici sono stati eseguiti in una stanza d’isolamento ospedaliero utilizzata per trattare pazienti ustionati. I batteri presenti su superfici ambientali all’interno del locale sono stati prelevati prima, durante e dopo il trattamento con il sistema di decontaminazione Hins (EDS).
I livelli di superficie batterica nella stanza occupata da un paziente con infezione da MRSA, sono stati ridotti del 56%. La maggior riduzione dell’86% è stata raggiunta dopo un periodo d’irraggiamento della stanza con la luce Hins.
John Anderson
, microbiologo, ha detto:
“La tecnica che abbiamo utilizzato, uccide gli agenti patogeni ma è innocua per i pazienti e il personale, ciò significa che per la prima volta, gli ospedali possono disinfettare continuamente i reparti e le stanze d’isolamento.
Il sistema utilizza lo spettro di lunghezza d’onda della luce visibile, questa eccita le molecole contenute all’interno dei batteri, ciò produce una specie di reazioni chimiche che sono molto letali per batteri come lo Stafilococco Aureo Meticillino Resistente (MRSA) e il Clostridium difficile“.
I ricercatori, poiché la stessa luce Hins è a banda stretta, hanno utilizzato una combinazione di tecnologie a LED per la produzione di un fascio di luce bianca calda che può essere utilizzata normalmente con l’illuminazione dell’ospedale.
Scott MacGregor
, preside della Facoltà di Ingegneria, ha detto:
“Durante la pulizia, la disinfezione e il lavaggio delle mani, i metodi di decontaminazione che utilizzano gas sterilizzanti o la luce UV, possono essere pericolosi per il personale e i pazienti.
La luce Hins è un trattamento sicuro che può essere facilmente automatizzato per fornire disinfezione continua dei reparti e altre aree ospedaliere.
La particolarità della luce che tende a diffondersi ovunque, all’interno dell’ambiente trattato, permette la decontaminazione dell’aria e di tutte le superfici visibili, indipendentemente dal livello di accessibilità,  attraverso l’esposizione diretta o riflessa“.
, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento