Il virus del comune raffreddore può infettare la placenta

I ricercatori hanno dimostrato che un comune virus del raffreddore può infettare le cellule derivate dalle placche umane, suggerendo che potrebbe essere possibile che l’infezione passi dalle gestanti ai loro bambini non ancora nati.
Lo studio, pubblicato sulla rivista Plos One, è stato condotto da Giovanni Piedimonte, professore di pediatria e vice presidente della ricerca presso l’Università di Tulane. Ha detto:
«È questa la prima prova che un comune virus del raffreddore può infettare la placenta umana. Supporta la nostra teoria che quando una donna sviluppa un raffreddore durante la gravidanza, il virus che causa l’infezione materna può diffondersi al feto e causare un’infezione polmonare anche prima della nascita».
La placenta durante la gravidanza funge da custode per fornire nutrimento essenziale da una madre a un feto in via di sviluppo mentre filtra i potenziali agenti patogeni. Gli scienziati stanno scoprendo che la barriera non è così impenetrabile di quanto creduto in precedenza; recenti studi hanno evidenziato come il virus Zika possa scivolare attraverso le sue difese.
I ricercatori usando la donazione delle placente, hanno isolato i tre principali tipi di cellule presenti nella placenta – citotrofoblasto, fibroblasti di stroma e cellule di Hofbauer -, e le hanno esposte in vitro al virus respiratorio sinciziale (RSV), che causa il comune raffreddore.
È emerso che mentre le cellule del citotrofoblasto sostenevano una limitata replicazione virale, gli altri due tipi erano significativamente più sensibili all’infezione: ad esempio, le cellule di Hofbauer sono sopravvissute e hanno permesso al virus di replicarsi all’interno delle pareti cellulari. I ricercatori sospettano che mentre le cellule di Hofbauer viaggiano all’interno della placenta, possano agire come un cavallo di Troia e trasmettere il virus al feto.
Giovanni Piedimonte ha detto:
«Il problema e che queste cellule non muoiono quando sono infettate dal virus, spostandosi nel feto, sono come bombe piene di virus, tipicamente non diffondono il virus esplodendo, ma piuttosto trasferiscono il virus attraverso i canali intercellulari».
I ricercatori sospettano che il virus respiratorio sinciziale (RSV), che causa il comune raffreddore possa attaccare il tessuto polmonare all’interno del feto, causando un’infezione che può predisporre la prole allo sviluppo dell’asma durante l’infanzia. Giovanni Piedimonte prevede di avviare uno studio clinico presso l’Università di Tulane per testare ulteriormente la teoria.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →