Ecco dove seguire il satellite GOCE, tra domenica notte e lunedì mattino si disintegrerà sulla Terra, nessuno sa, dove finiranno i suoi frammenti

Un satellite europeo a corto di carburante è in caduta sulla Terra, entro domenica o lunedì i frammenti di 1.100 Kg della navicella disintegrata colpiranno la superficie della Terra. L’Agenzia Spaziale Europea ha detto che i frammenti sono suscettibili di cadere nelle aree oceaniche o spopolate.
Rune Floberghagen, direttore di missione del satellite Gravity Field and Steady-State Ocean Explorer, meglio conosciuto come GOCE, intervistato dal New York Times, ha detto:
«GOCE è stato lanciato nel 2009 per mappare variazioni nella gravità della Terra in 3D, fornire modelli di circolazione oceanica e fare altre misurazioni. Il suo rientro probabilmente avverrà domenica o lunedì». (Clicca sulla mappa per seguire in diretta la posizione di GOCE).

Tracciamento satellite GOCE in caduta sulla Terra - clicca sulla mappa
Il sito web dell’ESA ha detto:
«L‘altitudine del satellite nel mese di agosto 2013 per migliorare l’accuratezza delle informazioni, è stata abbassata a circa 223.651 chilometri. Il satellite “è diventato il primo sismografo in orbita” nel marzo 2011 quando ha rilevato le onde sonore del terremoto che ha colpito il Giappone.
Il rientro di GOCE era stato previsto molto tempo prima ma il consumo di carburante è stato inferiore al previsto, questo fattore ha triplicato la durata della sua missione.
GOCE è a corto di carburante dal 21 ottobre 2013. Il satellite il 4 novembre 2013 è entrato in orbita intorno alla Terra a circa 191.471 chilometri di distanza.
L’8 novembre 2013 abbiamo comunicato che il rientro di GOCE nell’atmosfera terrestre è previsto durante la notte tra domenica e lunedì. La disintegrazione del satellite avverrà a un’altitudine di circa 80 km».
Il dottor Heiner Klinkrad, Capo Ufficio Detriti Spaziali dell’ESA, ESOC, Darmstadt, in Germania, ha detto:
«GOGE dalla mattina del 9 novembre 2013 si trova a un’altitudine di circa 170 km, durante la giornata scenderà a 162 km.
La densità atmosferica aumenterà drasticamente quando GOGE raggiungerà altitudini inferiori ai 100 km. Partendo con una velocità di circa 25.000 km / ora, la resistenza dell’aria con la concomitante pressione aerodinamica e il riscaldamento causeranno la disintegrazione del veicolo spaziale a circa 80 km di altitudine, causando un gran numero di frammenti. Al momento, non è possibile prevedere l’ora esatta e la posizione in cui i frammenti arriveranno sulla Terra.
La maggior parte di questi frammenti brucerà completamente, solo una piccola percentuale circa il 20% o 200 kg distribuiti in decine di frammenti dovrebbe raggiungere il terreno.
Il rischio per la popolazione sulla Terra è minimo. Statisticamente parlando, è 250.000 volte più probabile vincere lo jackpot del lotto tedesco che essere colpiti da un frammento di GOCE. In cinquantasei anni di volo spaziale, oggetti spaziali rientrati nell’atmosfera terrestre non hanno mai colpito gli esseri umani».

, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento