Il più giovane cardinale del mondo è diventato una delle più forti autorità morali dell’Africa

Nella Repubblica Centrafricana (CAR), uno dei paesi più violenti del mondo, l’anno è terminato com’era cominciato, con i dirigenti della Chiesa cattolica che hanno condannato la brutalità delle bande armate rivali e deplorato il fallimento delle forze governative e delle forze di pace internazionali per prevenire attacchi a civili indifesi.
Dieudonné Nzapalainga cardinale di Bangui, intervistato da Le Monde, ha detto:
«Ho l’impressione che sia iniziata una guerra di posizionamento – i gruppi con molti uomini, che controllano più territorio, potranno chiedere ministeri e denaro.
I mercenari sono arrivati, saccheggiano diamanti, oro e bestiame. Siamo diventati la pancia morbida della regione, temo che presto diventeremo la sua pattumiera. Tutti i suoi scarti stanno cercando rifugio qui prima di lanciare i loro attacchi».
Il cardinale Dieudonné Nzapalainga 51 anni ha manifestato tutto il suo dolore per le ultime atrocità dello scorso novembre, due sacerdoti anziani e almeno 86 civili sono stati massacrati in un campo che ospita 26.000 sfollati vicino alla cattedrale cattolica di Alindao. Ha detto di aver incontrato “scene di desolazione” in una visita nella città sud-orientale dopo “l’oltraggio pianificato e premeditato”, con l’intero campo gestito dalla Chiesa “raso al suolo e bruciato”.
E’ stato solo l’ultimo di molti attacchi a luoghi collegati alla Chiesa in città come Bangassou, Mokoyo e Bambari, così come nella capitale, Bangui, dove lo scorso maggio un assalto con armi da fuoco e granate alla chiesa della Madonna di Fatima ha lasciato 24 cattolici morti e 170 feriti.
La Repubblica Centrafricana (CAR) è uno dei paesi più poveri del mondo. E’ stato distrutto dalla violenza della milizia che coinvolge principalmente i resti di Seleka, una forza ribelle a maggioranza musulmana che ha assunto brevemente il potere nel 2013, e un contromovimento vigilante, anti-balaka.
Dieudonné Nzapalainga diventato il più giovane cardinale del mondo nel novembre 2016 si è imposto come principale autorità morale della CAR, coordinando i suoi sforzi di pace con il capo musulmano imam, Oumar Kobine Layama, e altri leader religiosi (i cattolici costituiscono circa un terzo della popolazione).
Il giovane cardinale si è anche guadagnato la reputazione di parlare direttamente ai potenti, condannando una proposta di amnistia per sospetti criminali di guerra; l’attuale embargo sulle armi alle forze armate della CAR e il fallimento di “Minusca” (Missione multidimensionale integrata di stabilizzazione delle Nazioni Unite nella Repubblica Centrafricana), una missione di 13.400 persone dispiegata dalle Nazioni Unite dal 2014 per arginare la violenza e garantire la stabilità.
I vescovi della CAR in due recenti dichiarazioni hanno esortato il governo del presidente Faustin-Archange Touadera a “coordinare le sue azioni” con Minusca, si sono detti “addolorati per la complicità di chi ha il dovere di intervenire e fermare i crimini contro l’umanità, invece permette che  accadano”. Hanno invitato i cattolici a boicottare il 1° dicembre (Giornata nazionale del loro paese) e celebrare invece una “Giornata del dolore e della preghiera”.
Le richieste di boicottaggio sono state deplorate dal governo di Touadera, sostiene che potrebbero “incoraggiare manovre per destabilizzare la democrazia”; mentre Minusca ha respinto le accuse di complicità come “dannose ed estremamente gravi”.
Le accuse sono state ribadite dal cardinale Dieudonné Nzapalainga, a Le Monde ha detto:
«Le forze dell’ONU sono rimaste inattive per tutto l’attacco di Alindao, senza “sparare un solo colpo”, mentre gli amministratori governativi sono stati lasciati senza protezione, in questo modo i ribelli hanno messo le mani sulle province della CAR. Ho chiesto un’inchiesta internazionale su questo immobilismo».
Il cardinale Dieudonné Nzapalainga come altri, ha espresso dolore perché la tanto elogiata visita del Papa di tre anni fa abbia fatto ben poco per fermare la discesa del Paese nel caos. Ha detto:
«Non saremo più ingannati da ordini nascosti. Mentre altri assumono un ruolo secondario, spetterà a noi, i centrafricani, trovare una soluzione, questa sarà politica piuttosto che militare, raggiunta attraverso il dialogo e il sacrificio».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →