Il Parlamento europeo ha votato per il diritto dei consumatori alla riparabilità dei prodotti

Il Parlamento europeo il 25 novembre 2020 ha votato a favore di una nuova politica per “sviluppare e introdurre l’etichettatura obbligatoria, per fornire informazioni chiare, immediatamente visibili e di facile comprensione ai consumatori sulla durata stimata e sulla riparabilità di un prodotto al momento dell’acquisto“.
Il voto, passato con 395 voti favorevoli, 94 contrari e 207 astensioni, sostiene il diritto dei consumatori alla riparabilità. Il relatore David Cormand, eurodeputato francese, ha detto:
«Il Parlamento europeo ha inviato un messaggio chiaro: l’etichettatura obbligatoria armonizzata che indica la durabilità e la lotta all’obsolescenza prematura a livello dell’UE sono la via da seguire».
Ugo Vallauri, co-fondatore del progetto Restart, membro fondatore della Campagna europea per il diritto alla riparazione, era giubilante, ha detto:
«Ci auguriamo che questo si traduca in un’azione rapida per portare un indice di punteggio di riparabilità obbligatorio per tutti i prodotti elettrici ed elettronici venduti in tutta l’UE, per aiutare i consumatori a fare acquisti con fiducia».
La Francia a partire dal prossimo gennaio inizierà a distribuire etichette di riparabilità per smartphone, laptop e altri dispositivi elettronici. L’Austria ridurrà anche le tasse sui servizi di riparazione e offrirà ai consumatori sussidi per le riparazioni.
L’etichetta avrà un punteggio di riparabilità di 1 su 10, proprio come il team di esperti di riparazioni di iFixit assegna a tutti i prodotti che smonta.
La speranza è che questa valutazione aiuti i clienti a dare la priorità ai prodotti più facili da riparare. Il sondaggio dell’UE condotto nel 2014 in un rapporto intitolato “Atteggiamenti degli europei verso la gestione dei rifiuti e l’efficienza delle risorse”, ha evidenziato che il 77% degli europei intervistati preferirebbe riparare i dispositivi piuttosto che sostituirli. Il 79% pensa che i produttori dovrebbero essere legalmente obbligati a facilitare la riparazione dei dispositivi digitali o la sostituzione delle loro singole parti.

,

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →