Il nuovo vaccino “2.0” Covid-19 mette rapidamente in moto il sistema immunitario

I ricercatori della Northwestern Medicine in un nuovo studio sui topi, per formare una nuova versione potenzialmente migliorata del vaccino Covid-19, hanno preso uno degli attuali vaccini, che si basa sulla proteina spike del nuovo coronavirus, e hanno aggiunto un differente antigene, la proteina nucleocapside, è una proteina interna che si lega al RNA, può aiutare a mettere in moto il sistema immunitario più rapidamente della proteina spike, poiché è tra le proteine più veloci ed altamente espresse del coronavirus.
Pablo Penaloza-MacMaster, assistente professore di microbiologia-immunologia presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine, ha detto:
«A questo punto, stiamo solo cercando di capire quali dovrebbero essere i vaccini 2.0, sembra che l’aggiunta di nucleocapside al vaccino lo renda più protettivo, rispetto all’avere solo il picco».
Il vaccino combinato nei topi ha migliorato la protezione contro le infezioni rivoluzionarie (casi in cui una persona vaccinata contro il Covid-19 è comunque infettata dal virus). È il primo studio a confrontare l’efficacia contro le infezioni rivoluzionarie di un vaccino attuale, basato sul picco, con un vaccino che include un antigene aggiuntivo, in questo caso la proteina nucleocapside. Lo studio è stato pubblicato nella rivista Cell Reports.

Bloccare dall’inizio un’infezione recente
Pablo Penaloza-MacMaster ha detto:
«La ben nota proteina spike del coronavirus si trova all’esterno del virus, mentre la proteina del nucleocapside è presente all’interno del virus. La proteina nucleocapside è una delle proteine più rapidamente e abbondantemente espresse, rendendola il bersaglio perfetto per il rilevamento precoce da parte della risposta delle cellule T. Ritengo che questo sia ciò che lo ha reso così efficace nel prevenire le infezioni di rottura nei topi. La cellula quando è infettata dal virus SARS-CoV-2, si vuole che le cellule T riconoscano questa cellula infetta il più presto possibile, se le cellule T sono in grado di riconoscere una delle prime proteine espresse durante il ciclo di vita del coronavirus, allora sin dall’inizio saremo in grado di estinguere meglio l’infezione, prima che il virus inizi a diffondersi in modo esponenziale. È emerso che un altro vantaggio di incorporare il nucleocapside nei vaccini Covid-19 di prossima generazione è che questa proteina è più preservata tra le varianti di SARS-CoV-2 e anche tra altri coronavirus. Dobbiamo iniziare a pensare a un futuro vaccino che non si rivolga solo al picco, che è variabile, ma anche alle parti del virus che non cambiano così tanto, come il nucleocapside».

Il primo confronto fianco a fianco
Gli scienziati hanno immunizzato i topi con combinazione di vaccini composti solo dalla proteina spike del virus SARS-CoV-2, solo con la proteina nucleocapside o entrambe le proteine combinate. I ricercatori dopo diverse settimane, attraverso il naso hanno esposto i topi al virus SARS-CoV-2, e 72 ore dopo l’esposizione per catturare un’infezione di rottura, hanno misurato le cariche virali nel sistema respiratorio dei topi (il sito prossimale dell’esposizione al virus) o nel loro sistema nervoso (il sito distante).
Gli studi hanno permesso agli scienziati di misurare quanto bene ogni vaccino ha protetto contro l’infezione di rottura, e determinare come l’infezione viaggia dal sistema respiratorio ad altri siti del corpo (sistema nervoso).
I risultati potrebbero essere la base per sviluppare vaccini più efficaci non solo in termini di prevenzione, ma anche di eliminazione delle infezioni di rottura.

Protezione contro le manifestazioni neurologiche Covid-19 a lungo termine
Gli scienziati stanno ancora raccogliendo dati per determinare se gli individui vaccinati che hanno un’infezione da Covid-19 sviluppano sintomi neurologici a lungo termine. Gli scienziati in questo studio, hanno trovato tracce di un’infezione virale nel cervello di topi immunizzati con un vaccino basato su spike.
Pablo Penaloza-MacMaster ha detto:
«Sono un po’ preoccupato di vedere che i topi avevano cariche virali nel cervello, suggerisce che forse con gli attuali vaccini basati su spike, queste infezioni di rottura potrebbero potenzialmente arrivare al cervello, non sappiamo se questo è solo nei topi o se costituisce un fenomeno generale. Stiamo indagando, la sfida tecnica per valutare l’infezione di rottura è che, a causa di motivi etici, non possiamo campionare il tessuto cerebrale degli esseri umani vaccinati. Spero che il nuovo vaccino combinato possa proteggere meglio il cervello dallo sviluppo di sintomi neurologici se si verifica con un’infezione di rottura».

,

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →