Il mio Eden? si trova a Papua, e l'ho scoperto per caso

Come tutte le scoperte, anche questa è nata per un doppio errore. Avevo digitato erroneamente Papua e non Papa, utilizzando il motore sbagliato, il Google Earth, che appena sollecitato, mi ha preso al volo e fatto atterrare nel nuovo mondo. Come in un sogno onirico, mi sono trovato insieme a una équipe internazionale di ricercatori in una remota zona di Papua, appartenente all’Indonesia, un luogo inesplorato (ho controllato le parole digitate, nessuno aveva scritto Papua, al posto di Papa).
Così insieme a un gruppo internazionale di  ricercatori statunitensi della Conservation International, con ricercatori australiani e indonesiani, abbiamo percorso la regione di Montanas Foya, un’area di oltre un milione di ettari di foresta tropicale. Qui, tra le montagne alte più di 2000 metri, abbiamo trovato decine di esseri viventi non ancora classificati.
Ho preso nota delle novità che abbiamo scoperto: venti specie di rane, quattro di farfalle, cinque di palme, una di canguro e tanti esemplari di piante. Tra gli avvistamenti più spettacolari, ho visto una specie di uccello del paradiso che non veniva avvistato da oltre sessanta anni e un esemplare di rododendro con fiori bianchi grandi più di quindici centimetri (potenza dell’ingrandimento). Una ricerca breve che ci ha permesso di avvistare ben cinque delle otto specie di canguri arboricoli esistenti nell’isola e una specie che sembrerebbe essere nuova (questi canguri, saltono che è una bellezza).
Gli animali di questo Eden probabilmente non hanno mai incontrato l’uomo (forse nessuno ha avuto l’ardire di cercarli con il Google Earth), se l’hanno incontrato è stato solo in maniera sporadica. La maggior parte degli abitanti dell’isola, infatti, vive di pesca in prossimità delle coste (ho fatto una zoommata con Google Earth). Per questo gli animali dell’interno non hanno sviluppato atteggiamenti di diffidenza con chi utilizza Google Earth, virtualmente si fanno avvicinare, fotografare e toccare senza timore. Un’emozione grande per me e per i miei immaginari ricercatori.
Mi sono ripromesso di tornare a breve in questo  posto meraviglioso, il tempo di aspettare l’aggiornamento delle immagini di Google Earth. Al momemto, Papua, per me non ha più segreti.
Fantasticato con la collaborazione di Spiritual Search.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

14 thoughts on “Il mio Eden? si trova a Papua, e l'ho scoperto per caso

  1. oddio, mi ero sdrogata da google maps…maleficoooooooooo

    ps bello il nuovo header

  2. Il nuovo header è fortissimo! E per l’eden incontaminato.. speriamo rimanga ancora a lungo così… Bacioottoo!

  3. quando ho messo la foto scura io LO SAPEVO che me l’avresti schiarita. Lo sapevo! (me l’aveva detto Momi).

    Però la teniamo nascosta perchè è indecente…

  4. piu che il quarto stato, questi qui mi sembrano un pugno di sfigati ^__^

    erano meglio i bambinelli di prima (o te li sei mangiati tutti?)

  5. E’ importante che ognuno si goda il proprio Eden reale o,soprattutto,immaginario!!!!

    Ciao fantastico!!!

  6. Funziona che.. boh! Resteranno con me, almeno per il momento. E’ che diventa una spesa mantenerli! E la madre è già in cova nuovamente (altro che conigli!!!). Forse ne affideremo alcuni ad un amico, ma devono essere più grandicelli, stanno ancora molto appiccicati alla madre ora. Baciotto!

  7. Fulvia, Google maps con l’opzione ibrida è fantastico, meglio del navigatore satellitare :-). Grazie per il gradimento dell’header. Baciotto.
    Penelopez tutti abbiamo un nostro piccolo eden incontaminato, sarebbe bello condividerlo con altri per creare un unico grande Eden. Baciotto.
    Momolina prima l’ho vista con lo schermo scuro a cristalli liquidi del mio computer, quardandola di lato, poi ho acceso la luce :-). baciotto.
    contrabbubis l’idea non mi dispiacerebbe (intesa come viaggio a Papua).
    ilfastidio sfigati non penso, considerando tutte le trappole create dal nano per non farli (farci) vincere, più che la sfiga, ha fatto gioco la loro (nostra) botta di culo. I bambinelli per adesso hanno esaurito il loro compito, l’hanno fatta sul muro e il muro di Arcole si è sbriciolato :-).
    lefty333boy mi fa piacere, ti ringrazio.
    Cicabu baciotto.
    Oidualc E’ vero, come si dice, toglieteci tutto ma non toccate i nostri sogni :-). ciao.

  8. Penelopez I due papero e papera, devono essere una coppia affiatata, quando ci si mettono, ti mettono veramente in crisi. Non avero pensato al costo per mantenere tutti i paperotti, pensavo che anche per loro era valido l’aiuto di Silvio, con il suo bonus paperus :-). Putroppo non ha fatto in tempo a elargirlo.

    Baciotto.

  9. Fulvia da te quando commento? azz, devo fare attenzione perché è memorizzato.

    Per i tuoi link qui da me, ho lasciato il vecchio di splinder, ma ho aggiunto il nuovo :-). Baciotto*

Lascia un commento