Il lento e silenzioso scivolamento di faglia in un ghiacciaio al Polo Sud innesca rapidi e forti terremoti a molti chilometri di distanza

La ricerca della Cornell University pubblicata su Science Advances riporta che gli scienziati hanno scoperto che il silenzioso e lento scivolamento di faglia in un ghiacciaio vicino al Polo Sud, innesca forti terremoti a scorrimento rapido a molti chilometri di distanza.
È noto che durante un terremoto si verifica un veloce scivolamento quando l’energia si accumula nel sottosuolo e viene rilasciata rapidamente lungo una faglia. Blocchi di terra scivolano rapidamente l’uno contro l’altro.
Gli scienziati in un ghiacciaio antartico chiamato Whillans Ice Plain, hanno scoperto che “scivolamenti lenti” precedono dozzine di grandi terremoti di magnitudo 7.
Grace Barcheck ricercatrice associata in Scienze della Terra e dell’Atmosfera alla Cornell University, autrice principale dello studio, ha detto:
«Abbiamo scoperto che c’è quasi sempre un “lento scivolamento” prima di un terremoto, questi precursori a scorrimento lento, che si verificano fino a 32 chilometri di distanza dall’epicentro, sono direttamente coinvolti nell’inizio del terremoto e sono straordinariamente comuni e migrano verso il punto in cui inizia la rapida scivolata del terremoto».
Patrick Fulton, assistente professore presso il Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Atmosfera, ha detto:
«Le osservazioni prima di diversi grandi terremoti di magnitudo 8 e 9 generatori di tsunami sulle faglie della zona di subduzione suggeriscono che potrebbe essersi verificato un processo simile. Poiché queste faglie sono per lo più al largo e in profondità sott’acqua, è difficile sapere quando o dove si verificherà un grande terremoto, l’inizio di grandi terremoti è generalmente difficile da osservare».
Gli scienziati per superare queste sfide hanno posizionato sensori GPS sopra una faglia glaciale a Whillans Ice Plain, dove grandi terremoti di magnitudo 7 si verificano quasi due volte il giorno su un’area di 96 chilometri del ghiacciaio.
Il team di scienziati nel 2014 in un periodo di due mesi ha registrato 75 terremoti sul fondo del ghiacciaio antartico. I dati delle stazioni GPS hanno indicato che il 73% – 96% dei settantacinque terremoti ha mostrato un precursore periodo di rallentamento; i dati delle stazioni di tracciamento GPS e dei sismometri di superficie hanno permesso al team di identificare come il precursore slittamento lento innesca lo slittamento veloce del terremoto.
Grace Barcheck ha detto:
«Il nostro gruppo è stato un po’ sorpreso di vedere così tanti precursori, in alcuni casi, possiamo effettivamente vedere la migrazione del precursore del terremoto verso il punto in cui inizia il terremoto. Ho pensato che prima di esaminare i dati se avessimo visto qualsiasi precursore antecedente ai terremoti, sarebbero stati rari e nello stesso luogo dell’epicentro del terremoto, invece, abbiamo trovato molti precursori a scorrimento lento, che iniziano a chilometri di distanza dall’epicentro e migrano attraverso la faglia».

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →