Il comportamento sessuale può influenzare il microbioma intestinale

Il nuovo studio condotto dai ricercatori dell’Università dell’Anvirus del Colorado Medical Campus, riporta che il comportamento sessuale di una persona potrebbe influenzare il suo microbioma e il sistema immunitario, aumentando potenzialmente il rischio d’infezione da HIV. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista PLOS Pathogens.
Il microbioma, una comunità di microbi nell’intestino, svolge un ruolo importante nel guidare e modellare il sistema immunitario umano. Recenti studi hanno dimostrato che indipendentemente dallo stato d’infezione da HIV, gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM) hanno microbiomi molto distinti rispetto agli uomini che hanno rapporti sessuali con donne (MSW).
I ricercatori del campus universitario Anschutz dell’Università del Colorado, hanno voluto sapere se questo microbioma alterato induce l’attivazione delle cellule T associata al rischio di trasmissione dell’HIV e all’aumentata gravità della malattia: per lo studio hanno preso campioni di feci di 35 uomini sani (uomini che hanno fatto sesso con uomini e uomini che hanno fatto sesso con donne) e trapiantato a topi privi di germi.
E’ emerso che i topi che hanno ricevuto i campioni di feci MSM hanno mostrato una maggiore evidenza di attivazione delle cellule T CD4 +, condizione che se fossero umani, li metterebbe a un rischio più elevato di HIV.
I ricercatori hanno anche isolato le cellule immunitarie dall’intestino d’individui sieropositivi e li hanno esposti a batteri provenienti da feci di MSM e MSW. Le cellule immunitarie derivate dall’intestino umano esposte a batteri fecali MSM avevano maggiori probabilità di essere infettate dal virus HIV in vitro. Ciò è stato di nuovo collegato con l’aumento dell’attivazione immunitaria da parte di questi batteri fecali.
Brent Palmer, autore principale dello studio, professore associato di medicina nella divisione di allergia e immunologia clinica presso la Scuola di Medicina dell’Anschutz Medical Campus, ha detto:
«Questi risultati forniscono la prova di un legame diretto tra la composizione del microbioma e l’attivazione immunitaria in MSM HIV-negativi e HIV-positivi, una logica per indagare il microbioma intestinale come fattore di rischio per la trasmissione dell’HIV».
Il motivo esatto per cui, il microbioma degli uomini, che hanno rapporti sessuali con gli uomini è così diverso, rimane sconosciuto. Alcuni hanno teorizzato che la dieta può promuovere l’infiammazione e quindi attivare le cellule T.
Brent Palmer in conclusione ha detto:
«C’è un microbioma unico associato a uomini che hanno rapporti sessuali con uomini che guida l’attivazione immunitaria nell’intestino, può anche causare livelli più elevati d’infezione da HIV, ma non sappiamo ancora esattamente perché sia così.
Capire questo microbioma è importante perché potrebbe influenzare direttamente il sistema immunitario degli uomini ad alto rischio e portare a un aumentato rischio d’infezione da HIV».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →