Il calcestruzzo riciclato in molti casi è migliore di quello convenzionale

I ricercatori della School of Engineering dell’University of British Columbia Okanagan (UBC Okanagan) hanno condotto un confronto parallelo tra il calcestruzzo riciclato e quello convenzionale all’interno di due comuni applicazioni: una fondazione edilizia e un marciapiede comunale. Hanno scoperto che il calcestruzzo riciclato dopo cinque anni ha una resistenza e una durata di servizio equivalente a quello convezionale.
Shahria Alam, co-direttore del Green Construction Research and Training Centre di UBC e ricercatore principale dello studio pubblicato nella rivista Construction and Building Materials, ha detto:
«Viviamo in un mondo in cui siamo costantemente alla ricerca di soluzioni sostenibili che rimuovano i rifiuti dalle nostre discariche. I ricercatori in diversi paesi del mondo hanno già standardizzato l’uso del calcestruzzo riciclato nelle applicazioni strutturali, speriamo che i nostri risultati aiutino il Canada a seguire il nostro esempio. I materiali di scarto provenienti da costruzioni e demolizioni contribuiscono fino al 40% dei rifiuti nel mondo, in Canada i rifiuti ammontano a nove milioni di tonnellate all’anno».
I ricercatori hanno testato la resistenza alla compressione e la durabilità del calcestruzzo riciclato rispetto al calcestruzzo convenzionale. Il calcestruzzo è tipicamente composto da aggregati fini o grossolani che sono legati insieme con una pasta adesiva. Il calcestruzzo riciclato sostituisce l’aggregato naturale per la produzione di nuovo calcestruzzo.
Shahria Alam ha affermato:
«La composizione del calcestruzzo riciclato conferisce al prodotto un’ulteriore flessibilità e adattabilità. Il calcestruzzo riciclato in genere può essere utilizzato nei muri di contenimento, nelle strade e nei marciapiedi, ma stiamo assistendo a un cambiamento verso un suo maggiore utilizzo nelle strutture».
I ricercatori in base ai risultati hanno scoperto che le prestazioni a lungo termine del calcestruzzo riciclato sono adeguate rispetto alla sua forma convenzionale, e non hanno riscontrato alcun problema nei cinque anni dello studio: infatti, il calcestruzzo riciclato aveva un tasso di resistenza alla compressione più elevato dopo 28 giorni di stagionatura, pur mantenendo una resistenza maggiore o uguale durante il periodo della ricerca.
I ricercatori suggeriscono che il calcestruzzo riciclato può sostituire al 100% le applicazioni non strutturali. Hanno detto:
«Mentre continuano le innovazioni nella composizione del calcestruzzo riciclato, possiamo immaginare un futuro in cui il calcestruzzo riciclato possa essere un sostituto anche in applicazioni più strutturali».

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →