Identificata la protezione genica per il coronavirus Covid-19

È stata scoperta la prima prova di un legame genetico che spiega perché alcune persone contagiate dal coronavirus Covid-19 non si ammalano. Il team scientifico e medico guidato dall’Università di Newcastle, nel Regno Unito, ha dimostrato che il gene HLA-DRB1*04:01, si trova tre volte più spesso nelle persone asintomatiche. Ciò suggerisce che le persone con questo gene hanno un certo livello di protezione dal grave Covid-19.
Lo studio pubblicato nella rivista HLA, finanziato da Innovate UK, l’agenzia per l’innovazione del Regno Unito, ha confrontato le persone asintomatiche con i pazienti della stessa comunità che hanno sviluppato un Covid-19 grave ma non avevano malattie di base.
Il team di ricercatori ritiene che questa sia la prima chiara evidenza di resistenza genetica, lo studio ha confrontato persone gravemente colpite e quelle appartenenti al gruppo Covid asintomatico, ha utilizzato il sequenziamento di nuova generazione per concentrarsi in dettaglio e su larga scala sui geni HLA (è il locus dei geni che codificano le proteine sulla superficie delle cellule che sono responsabili per la regolazione del sistema immunitario nell’uomo), il gruppo di questi geni risiede nel cromosoma 6.
L’attuale ricerca si è concentrata sul confronto tra membri sintomatici e asintomatici della stessa comunità per rendere più facile individuare come singoli geni o alleli (variazioni dello stesso gene) possono aiutarci a proteggerci dal coronavirus Covid-19.
L’elevata densità e complessità del sistema di istocompatibilità e la variazione nelle diverse popolazioni significa che una variazione rilevante può essere trascurata, ad esempio, diversi alleli o versioni dello stesso gene potrebbero avere effetti opposti sulla risposta immunitaria. Lo studio è stato molto più mirato, ha confrontato i sintomatici con gli asintomatici nella stessa popolazione rivelando le qualità “protettive” dell’allele.
È noto che il gene dell’antigene leucocitario umano identificato, HLA-DRB1*04:01, è direttamente correlato alla latitudine e alla longitudine. Ciò significa che è probabile che più persone nel nord e nell’ovest dell’Europa abbiano questo gene. Ciò suggerisce che le popolazioni di discendenza europea avranno maggiori probabilità di rimanere asintomatiche ma di trasmettere ancora la malattia a popolazioni suscettibili.
Il dottor Carlos Echevarria del Translational and Clinical Research Institute, Newcastle University, che lavora anche come consulente respiratorio presso Newcastle Hospitals NHS Foundation Trust ed è coautore della ricerca ha affermato:
«Questa è una scoperta importante in quanto potrebbe spiegare perché alcune persone sono contagiate dal Covid-19 ma non si ammalano. Potrebbe portarci a un test genetico e indicarci a chi dobbiamo dare la priorità per le vaccinazioni future; a livello di popolazione, questo è importante per noi saperlo perché quando abbiamo molte persone resistenti, quindi contagiate dal Covid-19 ma non mostrano sintomi, allora rischiano di diffondere il virus mentre sono asintomatici».

Geolocalizzazione
L’effetto dei geni collegati alla geolocalizzazione è un concetto scientifico accettato, è ben noto che i geni HLA si sviluppano nel corso delle generazioni in reazione agli agenti patogeni che causano malattie.
David Langton autore dello studio, la cui società ExplantLab ha contribuito a finanziare lo studio attraverso un premio di ricerca Innovate UK, ha aggiunto:
«Alcune delle scoperte più interessanti sono state le relazioni tra longitudine e latitudine e la frequenza del gene HLA. È noto da tempo che l’incidenza della sclerosi multipla aumenta con l’aumentare della latitudine, questo è stato in parte attribuito alla ridotta esposizione ai raggi UV e quindi ai livelli più bassi di vitamina D. Tuttavia non eravamo a conoscenza che uno dei principali geni di rischio per la sclerosi multipla, l’aplotipo dell’antigene leucocitario umano (HLA) DRB1*15:01 è direttamente correlato alla latitudine. Ciò mette in evidenza la complessa interazione tra ambiente, genetica e malattia. Sappiamo che alcuni geni HLA sono sensibili alla vitamina D e che bassi livelli di vitamina D sono un fattore di rischio per il Covid-19 grave, stiamo lavorando ulteriormente in questo settore».
Lo studio ha utilizzato campioni di 49 pazienti con Covid grave ricoverati in ospedale per insufficienza respiratoria; campioni di un gruppo asintomatico di 69 operatori ospedalieri risultati positivi al test anticorpale nel sangue e un gruppo di controllo di uno studio sulla relazione tra genotipi HLA e gli esiti della chirurgia sostitutiva articolare.
La ricerca ha utilizzato macchine di sequenziamento di nuova generazione per studiare in profondità le diverse versioni, o alleli, dei geni HLA, il che è stato combinato con una varietà di competenze e modelli. Il lavoro è stato limitato a campioni del nord-est dell’Inghilterra durante il primo blocco, saranno necessari ulteriori studi nel Regno Unito e in altre popolazioni poiché potrebbero esserci diverse copie dei geni HLA che forniscono resistenza in altre popolazioni.

,

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →