I vaccini a mRNA come quelli di Pfizer sarà la migliore strategia a lungo termine

La scorsa settimana, l’amministratore delegato di Pfizer ha detto che chiunque riceva il suo vaccino coronavirus Covid-19 probabilmente dopo essere stato completamente immunizzato, entro 6-12 mesi dovrà avere una terza dose, e quindi in futuro una dose ogni anno. È probabile che ne avremo bisogno perché per molti di noi, l’immunità inizierà a diminuire entro quel lasso di tempo. Il vaccino dovrà anche essere ottimizzato per coprire nuove varianti di coronavirus man mano che emergono.
Il vantaggio dei vaccini a mRNA come quello di Pfizer è che sono molto più facili da aggiornare rispetto ai vaccini a “vettore virale” come quello di AstraZeneca. Ora dovremmo continuare a usare AstraZeneca per gli over 50, ma la nostra migliore strategia a lungo termine è quella di utilizzare i vaccini mRNA Covid-19 e quindi sviluppare la capacità di produrli in loco.

L’immunità ai coronavirus è limitata
Sappiamo che la nostra immunità a diversi coronavirus diminuisce nel tempo, questo è vero per i quattro comuni coronavirus (endemici) che circolano continuamente: c’è sempre un numero sufficiente di persone che hanno perso la loro immunità per garantire che questi virus possano persistere e continuare a causare malattie respiratorie.
I ricercatori hanno detto che anche la nostra immunità al SARS-CoV-2, il virus che causa il coronavirus Covid-19, sembra diminuire rapidamente, sebbene la velocità con cui ciò accade possa essere abbastanza variabile. I dati suggeriscono che l’immunità acquisita dal vaccino Pfizer è piuttosto robusta per sei mesi, ma dopo non è chiaro quanto velocemente si perda l’immunità acquisita. Tuttavia, è ragionevole prevedere che entro 12 mesi dalla vaccinazione di una popolazione, un numero considerevole di persone avrà probabilmente perso la protezione contro la SARS-CoV-2. Ciò sarà particolarmente vero se il ceppo prevalente di SARS-CoV-2 circolante in quel momento è sostanzialmente diverso dal virus contro il quale le persone erano state originariamente vaccinate.
È emerso che alcune varianti di coronavirus hanno mutazioni che riducono l’efficacia dell’immunità indotta dal vaccino, sono state descritte come “varianti di preoccupazione”, includono un virus originato in Sud Africa, che ha ridotto l’efficacia di entrambi i vaccini AstraZeneca e Pfizer, sicuramente con l’ondata di pandemia in tutto il mondo sorgeranno più varianti. L’immunità in declino e le varianti virali agiranno per ridurre la nostra protezione nel tempo, quindi avremo bisogno di vaccini di richiamo, idealmente aggiornati per affrontare la variante virale che rappresenta la più grande minaccia.

L’utilizzo di AstraZeneca non è la nostra migliore soluzione a lungo termine
Il governo australiano originariamente nelle prime fasi della pandemia aveva dato la priorità al vaccino AstraZeneca, è più facile da produrre, immagazzinare e distribuire. È ancora un vaccino efficace che le persone in tutto il mondo dovrebbero ricevere il prima possibile: qualsiasi immunità è meglio di niente, saremo sicuramente protetti dal coronavirus Covid-19 grave.
Utilizzare il vaccino di AstraZeneca non è la migliore strategia a lungo termine. I ricercatori hanno detto che uno dei motivi è ciò che gli immunologi chiamano “immunità da vettori”. I vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson utilizzano un vettore virale, che è una forma inattivata (non replicabile) di un tipo comune di virus chiamato “adenovirus”. Usano questo adenovirus come veicolo di consegna per ottenere il DNA nelle nostre cellule per dare loro le istruzioni per sviluppare l’immunità contro il coronavirus. Tuttavia, non puoi essere ripetutamente immunizzato con questo tipo di vaccino perché probabilmente svilupperai l’immunità al vettore dell’adenovirus (il veicolo di consegna) stesso, quando ciò accade, il nostro sistema immunitario interferisce con il veicolo di somministrazione che entra nelle nostre cellule e l’efficacia di questi vaccini si deteriorerebbe nel tempo.
Inoltre, in un numero molto piccolo di persone, questo vettore virale sembra essere collegato a una sindrome da coagulazione del sangue estremamente rara ma grave, in queste persone, si pensa che una conseguenza della risposta immunitaria al vettore virale sia che il loro sistema immunitario produca “autoanticorpi”. Si tratta di anticorpi che, oltre a combattere un invasore straniero (o prendere di mira il vettore a base di adenovirus utilizzato nel vaccino AstraZeneca), attaccano anche le nostre stesse cellule, in questo caso, questi autoanticorpi stanno attaccando le cellule del sangue chiamate piastrine, causando la formazione di coaguli di sangue. È stata osservata una bassa conta piastrinica in circa 1 persona su 250.000 vaccinata con l’iniezione di AstraZeneca.
Ci sono anche problemi di coagulazione con il vaccino Johnson & Johnson, che è anche un vaccino a base di vettore di adenovirus, dopo che sei donne hanno sviluppato la condizione negli Stati Uniti su 6,8 milioni di vaccini. Tuttavia, questo collegamento deve ancora essere dimostrato per questo vaccino.
I vaccini a mRNA come Pfizer (e Moderna) al contrario possono essere aggiornati molto più rapidamente. Pfizer ha solo bisogno di rielaborare la sua sequenza di RNA per coprire le varianti, che è una modifica minore, non cambia nulla nel sistema di somministrazione del vaccino, quindi la riapprovazione sarà probabilmente molto più semplice. Gli organismi di regolamentazione hanno indicato che ci sarà un percorso rapido per l’approvazione dei vaccini aggiornati per le varianti.
I vaccini a mRNA sono costituiti da un sistema di rilascio basato sui lipidi che protegge il mRNA e lo trasporta nelle cellule, quindi, le cellule possono iniziare a produrre la proteina spike da presentare al sistema immunitario, non ci sono proteine nel vaccino stesso, quindi non c’è possibilità di sviluppare l’immunità ai componenti del vaccino.

I vaccini a mRNA in futuro sono la nostra migliore scommessa
C’è il timore tra i ricercatori di dover inseguire le nuove varianti, hanno detto:
«Identificata una nuova variante, ci impegneremo ad aggiornare i nostri vaccini contro di essa, ma nel momento in cui la formulazione sarà aggiornata, approvata, prodotta e distribuita, potremmo già avere a che fare con un’altra variante o molte varianti in luoghi diversi».
È assolutamente vitale sviluppare la capacità di produrre vaccini a mRNA in loco, in particolare se nella nazione compaiono varianti, ciò sarà molto più efficace che aspettare mesi per ottenere nuovi vaccini dall’estero.
Il vaccino AstraZeneca al momento ha ancora un ruolo importante nell’attuale strategia vaccinale in tutto il mondo, è ancora disponibile quindi utilizziamolo per gli ultracinquantenni e diamo a quelli sotto i 50 anni l’opportunità di fare una scelta informata per avere questo vaccino, poi col passare del tempo, il vaccino AstraZeneca diventerà meno richiesto e i vaccini a mRNA come Pfizer dovrebbero eventualmente prendere il suo posto.

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →