I risultati promettenti del vaccino di Oxford non ha convinto il mercato finanziario

Il vaccino contro il coronavirus Covid-19 che l’Università di Oxford sta sviluppando con AstraZeneca Plc ha mostrato risultati promettenti nei primi test sull’uomo, ora è destinato a passare a studi più ampi, che probabilmente saranno decisivi per determinare la reale efficacia.
I promettenti risultati non sono stati tuttavia sufficienti a convincere il mercato finanziario, il titolo dopo un livello record di scambi a New York, è sceso a causa dei dubbi sulla possibilità che il suo vaccino possa eguagliare i progressi visti nei programmi di Pfizer Inc. e BioNtech SE, così come Moderna Inc. Gli analisti di Bernstein guidati da Ronny Gal, hanno detto: «Nel contesto competitivo non sono riusciti a stupire».
Il vaccino secondo i ricercatori ha aumentato i livelli sia di anticorpi neutralizzanti protettivi, sia di cellule T immunitarie che prendono di mira il virus. I risultati, pubblicati nella rivista medica The Lancet, sono una pietra miliare per uno dei progetti di vaccino che si sta muovendo più velocemente a livello globale.
Pascal Soriot amministratore delegato di AstraZeneca Plc ha detto:
«La nostra speranza è che possiamo effettivamente iniziare a somministrare un vaccino prima della fine dell’anno, stiamo lavorando il più velocemente possibile, ma ovviamente ci sono elementi che non si possono controllare».
La notizia pubblicata nella rivista medica Lancet, è arrivata appena un’ora dopo che Pfizer e BioNtech avevano annunciato i primi dati positivi della sperimentazione del vaccino coronavirus Covid-19 in Germania, si basa sui risultati promettenti del loro programma all’inizio di questo mese. Le azioni AstraZeneca quotate negli Stati Uniti sono scese del 4% alle 14:07 del pomeriggio a New York.
Sarah Catherine Gilbert (vaccinologa britannica professoressa di Vaccinologia all’Università di Oxford, co-fondatrice di Vaccitech) specializzata nello sviluppo di vaccini contro l’influenza e gli agenti patogeni virali emergenti, ha detto:
«Nella sperimentazione nel Regno Unito ai partecipanti tra i 18 e i 55 anni e alle persone sopra i 55 anni sono già state somministrate due dosi del candidato al vaccino. La più grande sperimentazione statunitense che inizierà tra qualche settimana, ha affermato che probabilmente saranno testate due dosi di vaccino».

Migliore strategia
Sarah Catherine Gilbert ha detto:
«Non sappiamo dove dobbiamo arrivare con la risposta immunitaria, nessuno sa quanto deve essere potente. La strategia migliore è quella di cercare una forte risposta immunitaria per determinare l’efficacia, se si rivela eccessiva, va bene, potremmo essere in grado di riportarla a una dose adeguata per adolescenti e giovani adulti; per determinare il modo migliore di procedere anche i volontari partecipanti al test stanno valutando diversi livelli di dose».
Il risultato positivo ampiamente previsto dopo i resoconti della settimana scorsa ha aumentato le scorte con il vaccino già in studi più avanzati. I ricercatori hanno in programma di dare priorità al test di un regime a due dosi, piuttosto che una singola iniezione, attenuando un po’ l’entusiasmo per il vaccino, che in precedenza speravano di consegnare già a settembre.
È emerso lo scorso lunedì che anche altri progetti di vaccino sviluppati dalla China’s CanSino Biologics Inc., e una partnership tra Pfizer e BioNTech SE, hanno fornito aggiornamenti positivi sulle sperimentazioni.
I risultati aumentano l’ottimismo sui modi per contrastare una pandemia che ha ucciso più di 600.000 persone e scatenato turbolenze economiche in tutto il mondo. Moderna Inc., un’altra azienda all’avanguardia, ha rilasciato la scorsa settimana i risultati di un test in fase iniziale, ha mostrato che il suo vaccino ha aumentato i livelli di anticorpi che combattono il virus.
Richard Horton redattore di The Lancet in un’intervista con Bloomberg Television ha detto:
«Il mercato finanziario dovrebbe essere estremamente gratificato dal fatto che abbiamo diversi candidati al vaccino che stanno facendo buoni progressi».

Passo fondamentale
Stimolare la produzione di anticorpi neutralizzanti anche se non dimostra l’efficacia di un vaccino, è considerato un importante passo avanti nei test. I risultati dei test sugli animali avevano già dimostrato che l’iniezione di Oxford-AstraZeneca provocava una risposta immunitaria.
La sperimentazione umana di Fase 1, che ha avuto luogo tra il 23 aprile e il 21 maggio 2020, ha coinvolto 1.077 adulti sani di età compresa tra i 18 e i 55 anni senza alcuna esposizione al coronavirus Covid-19. È stato somministrato a un gruppo di controllo un vaccino contro la meningite come placebo, 10 partecipanti hanno ricevuto due dosi dell’iniezione a distanza di un mese l’una dall’altra. Il vaccino ha causato effetti collaterali minori, che potrebbero essere ridotti con l’assunzione di paracetamolo, non ci sono stati gravi eventi avversi dovuti al vaccino.
Adrian Hill, capo dello Jenner Institute di Oxford, ha detto:
«La maggior parte dei partecipanti allo studio ha ricevuto una singola dose di vaccino. AstraZeneca Plc nei test futuri darà la priorità a un regime a due dosi».
AstraZeneca in una dichiarazione ha detto:
«Una singola dose di vaccino di Oxford nel 95% dei partecipanti un mese dopo l’iniezione ha prodotto un aumento di quattro volte degli anticorpi contro la proteina spike del virus. Il virus SARS-CoV-2 in grado di causare la malattia chiamata coronavirus Covid-19 utilizza la proteina spike per entrare nelle cellule; una risposta delle cellule T è stata indotta in tutti i partecipanti che hanno ottenuto il vaccino, con un picco di 14 giorni dopo l’iniezione».

Anticorpi neutralizzanti
Ian Jones, professore di scienze biomediche all’Università di Reading, ha detto:
«Il vaccino ha funzionato e ha sviluppato gli anticorpi neutralizzanti, nella maggior parte dei casi dopo solo un’iniezione e in tutti i casi dopo due iniezioni».
L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto che in tutto il mondo, circa 160 vaccini contro il coronavirus Covid-19 sono in vari stadi di sviluppo. L’iniezione di Oxford è nel gruppo che ha già iniziato i test finali. AstraZeneca ha detto che potrebbe iniziare a somministrare le dosi nel Regno Unito già a settembre, ha ricevuto un impulso quando gli Stati Uniti si sono impegnati a stanziare 1,2 miliardi di dollari per lo sviluppo, in base al suo accordo con il produttore di farmaci britannico, potrebbe iniziare a ricevere forniture del vaccino già in ottobre.
Il Regno Unito oltre a concludere un accordo di fornitura per l’iniezione, si è assicurato l’accesso ai vaccini sperimentali di altri produttori di farmaci per coprire le sue esigenze e raccogliere dosi sufficienti per la sua popolazione di 66 milioni di abitanti. Il governo si è assicurato accordi con Pfizer, BioNTech e Valneva SE.

Lotta contro il coronavirus Covid-19
Le aziende e le università si affidano a una serie di strategie nella lotta contro il coronavirus Covid-19. Il team di Oxford ha sviluppato una tecnologia in grado di accelerare il processo utilizzando un virus innocuo per trasportare parte del materiale genetico dell’agente patogeno nelle cellule per generare una risposta immunitaria. Il vaccino proposto è costituito da una versione indebolita di un comune virus del raffreddore che è stato geneticamente modificato per renderlo incapace di crescere nell’uomo.
Oxford ha inserito materiale genetico dalla proteina spike superficiale del virus SARS-CoV-2 come un espediente per ingannare il sistema immunitario a combattere. La piattaforma stimola sia gli anticorpi sia gli alti livelli di cellule T killer, un tipo di globuli bianchi che aiuta il sistema immunitario a distruggere l’infezione.
Adrian Hill, capo dello Jenner Institute di Oxford, in conclusione ha detto:
«Siamo molto incoraggiati, mentre il test ancora non prova che il vaccino funzionerà, rispetto alla scorsa settimana siamo un po’ più sicuri che possa funzionare».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →