I produttori di latte contro il latte vegetale, ora è prodotto anche con i piselli

Non molto tempo fa, il latte era vero latte, prodotto dalle mucche distribuito in caratteristici contenitori, venduto anche nei supermercati di tutto il mondo. Nel corso del tempo, sono emerse le varianti: latte scremato, parzialmente scremato, intero, pastorizzato, sterilizzato, microfiltrato, ecc., in fondo, il latte era così generico, nessuno avrebbe mai pensato di depositare un marchio. E’ stata una svista perché i supermercati oggi vendono “latte”, prodotto con semi di soia, mandorle, noci di cocco, noci di macadamia, e anche i piselli .
Si è arrivati al punto di oltrepassare il limite, i produttori di latte stanno iniziando a reagire. Il latte che proviene dalle piante non può essere latte, dicono, perché il vero latte è prodotto dai mammiferi, di certo non è un dibattito della definizione non potrà essere risolto dal dizionario Merriam-Webster. Chiamatelo come volete, è probabile che sarà il Congresso a decidere ciò che è, e non è, il latte.

Secrezione lattea
Tutto ciò che riguarda l’agricoltura alla fine, trova la via del ritorno a Washington, DC, da dove si dovrebbe fare un lungo viaggio in macchina per trovare una mucca reale. Già 32 membri del Congresso dopo il chiarimento pronunciato dalla Food and Drug Administration (FDA) sulla definizione di prodotti lattiero-caseari, ottenuti da sani animali da latte, come mucche, capre, pecore e bufale, sono favorevoli a emanare un decreto per definire il latte come “secrezione lattea“, non qualcosa che una volta aveva le foglie.
La battaglia per il latte è condotta dal repubblicano Peter Welch e il senatore Tammy Baldwin, hanno presentato un disegno di legge per vietare entro 90 giorni la commercializzazione di bevande che imitano prodotti caseari, ma sono a base di base di noci, semi, piante e alghe.
La questione com’è consuetudine quando interessi particolari cercano di proteggere il proprio territorio è inquadrata come un tentativo di proteggere i consumatori vulnerabili, presumibilmente quelli che non si rende conto che il latte di mandorla è fatto con le mandorle, piuttosto che dalle secrezioni vaccino.
Tammy Baldwin in una lettera al presidente Trump, ha chiesto il suo intervento per sollecitare la Food and Drug Administration a risolvere il problema dell’errata etichettatura di prodotti che imitano quelli lattiero – caseari, tra cui latte, yogurt e formaggio’“.

Le mucche devono essere preoccupate
Non c’è alcun dubbio che i produttori di latte hanno una buona ragione di preoccuparsi che le loro mucche potrebbero presto rimanere senza lavoro. Il consumo di latte è in calo costante da anni, secondo il Dipartimento dell’Agricoltura rispetto al 1970 ora, beviamo il 37 per cento in meno latte. Il motivo in parte è che i consumatori sono alla ricerca di sane scelte alimentari. C’è una convinzione generale a scegliere alimenti a base vegetale considerati più sani per l’uomo e meglio per l’ambiente. E’ questo il punto di vista “ad alto contenuto protetico” rilasciato da Michele Simon (direttore esecutivo del gruppo di produttori non caseari) come risposta al disegno di legge del senatore Tammy Baldwin. Ha detto:
«I nostri associati sono orgogliosi di offrire una vasta gamma di cibo innovativo e sostenibile che i consumatori ricercano per molte ragioni. Respingiamo questi attacchi da parte dell’industria lattiero-casearia, aspettiamo con impazienza una conversazione più costruttiva per assicurare ai consumatori di consumare deliziose opzioni di prodotti a base vegetale che desiderano».
Il gruppo alimentare vegetale in una lettera alla FDA, ha sostenuto che le varietà di latte vegetale come concordato dai tribunali sono adeguatamente etichettate con il loro “nome comune“, vale a dire, il latte. Hanno citato anche un sondaggio condotto dalla Nutrition Business Journal dove il 34 per cento dei consumatori preferisce latte vegetale rispetto a prodotti lattiero – caseari.

Opzione più sana
Mentre si può discutere all’infinito quale tipo di prodotto contiene sostanze simili al latte, le persone orientate al vegetale, citano le organizzazioni sanitarie che indicano gli alimenti a base vegetale generalmente buoni per la salute. American Heart Association ha detto:
«Una dieta vegetariana che ha una maggiore percentuale di alimenti di origine vegetale, rispetto agli alimenti di origine animale, abbassa il rischio di morire a causa di malattie cardiache e ictus».

Che cosa è una pro dieta vegetariana?
Camille Lassale ricercatrice associata presso l’University College di Londra, esperta in sanità pubblica, nutrizione, dietetica, epidemiologia, ha detto:
«Una pro dieta vegetariana non fa raccomandazioni assolute su specifici nutrienti, si concentra sull’aumento della percentuale di alimenti di origine vegetale relativi agli alimenti di origine animale, a livello nutrizionale si traduce in una migliore dieta equilibrata».
Il passo successivo ci porta al “latte di piselli“, come promette Ripple Foods Inc, presto sarà disponibile in un negozio vicino a te. Per gli scettici anche venti anni fa in molti non credevano che sarebbe stato possibile fare il latte di mandorle, a quanto pare si può fare il “latte” da qualsiasi pianta verde.
E’ stato detto che il vantaggio di utilizzare piselli al posto di mandorle e semi di soia, è che per crescere hanno bisogno di meno acqua, sono allergenici, hanno più calcio e meno zucchero.
A differenza di molte guerre di marketing attualmente in corso, questa ovviamente non è tra un combattente “naturale” contro un avversario “geneticamente modificato“, entrambi, latte animale e latte vegetale, sono “naturali” anche se, per essere onesti, fortemente trasformati, quindi è probabile che a nessuno passerà in mente di fare scommesse sull’esito di questa particolare lotta sul cibo.