I cani labrador possono fiutare il cancro intestinale, anche in fase precoce

Gli scienziati hanno affermato che i cani (hanno usato un Labrador retriever, appositamente addestrato per dimostrare i risultati), sono in grado di fiutare l'alito e campioni di feci della persona per rilevare il cancro intestinale, anche nelle sue fasi iniziali

labrador fiuta tumori intestinaliI risultati suggeriscono che i composti chimici d’alcuni tumori specifici, circolano in tutto il corpo, ciò apre la prospettiva per sviluppare test clinici per individuare la malattia prima che si diffondi altrove.
Lo studio pubblicato sulla rivista Gut, è stato condotto dal team di ricercatori dello St. Sugar Cancer Sniffing Dog Training Centre Minamiboso, della Prefettura di Chiba in Giappone, insieme al professor Hideto Sonoda, assistente presso l'Università di Kyushu.
Il Labrador retriever, ha superato 74 test, ciascuno costituito da cinque prove sull'alito o feci per individuare un solo campione canceroso. I campioni per i test provenivano da 48 persone sofferenti di cancro intestinale e 258 volontari senza cancro intestinale. Circa la metà dei campioni dei volontari proveniva da persone con polipi intestinali (anche se benigni, i polipi sono considerati un precursore del cancro intestinale). Il 6% dei campioni d’alito e 1 dei 10 campioni di feci di questo gruppo, proveniva da persone con altri problemi intestinali, come ad esempio, infiammazioni intestinali, ulcere e appendicite.
Il Labrador, su 33 delle 36 prove del palloncino (alito) e in 37 su 38 prove con le feci, ha identificato con successo i campioni cancerosi e quelli non cancerosi. Ciò equivale, nel complesso, al 95% di precisione per il test dell'alito e il 98% di precisione per il test delle feci.
Gli autori dello studio in conclusione hanno sottolineato che un cane addestrato può fiutare odori specifici emessi da cellule tumorali che circolano nel corpo umano.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →