I call center nelle Filippine sono luoghi di lavoro sicuri per le donne transgender, possono presentarsi nella loro autentica identità di genere

Le Filippine sono la capitale indiscussa dei call center del mondo. Sede delle operazioni di servizio al cliente di aziende multinazionali come IBM, eBay e Capital One, l’industria impiega mezzo milione di persone in più di 400 centri in tutto il paese; nel 2016 con 25 miliardi di dollari ha contribuito all’economia nazionale.
L’attività del call center ha avuto anche un altro effetto, forse inaspettato, ha fornito alle donne transgender al lavoro uno spazio sicuro per esprimere la loro identità di genere: dall’inizio del boom del call center a metà degli anni 2000, migliaia di transgender sono entrati nel settore, spesso a causa della mancanza di opportunità di lavoro in altri campi.
Kate Montecarlo Cordova lavora nei call center da tredici anni, oggi è senior manager, spiega:
«Il problema più grande che le donne transgender devono affrontare è economico. Abbiamo competenze professionali come qualsiasi altra donna o uomo, ma nelle Filippine, molte industrie non impiegano donne transgender, così finiamo per lavorare in un settore diverso.
Al di fuori di queste società BPO (business process outsourcing), ci sono poche opportunità per i transgender di presentarsi nella loro autentica identità di genere e sfuggire alla discriminazione.
La mia amica è un medico eppure nessun ospedale la assumerà perché è una donna transgender, quindi dovrà trovare lavoro altrove. Le donne qualificate e istruite sono colpite finanziariamente perché finiscono a svolgere lavori con un salario più basso e non adatti alle loro competenze.
I call center sono diversi, vista la natura anonima del lavoro, molte donne transgender sul posto di lavoro possono sperimentare la loro figura e identità di genere, indossando abiti da donna e nomi di donne, una libertà che sarebbe impossibile nella maggior parte delle altre attività lavorative del paese. La capacità di essere apertamente una donna transgender sul posto di lavoro dà loro la fiducia di essere se stessi».

Stipendio fisso
La maggior parte delle donne transgender prima dell’arrivo dei call center trovava lavoro nel settore della bellezza e dell’intrattenimento. Kate Montecarlo Cordova nel 1995 ha vinto il concorso di bellezza Miss Gay Filippine, ha detto:
«Negli anni ’80, per le donne transgender al di fuori dei concorsi di bellezza non c’era lavoro. I concorsi di bellezza, in particolare, offrivano alle donne transgender l’opportunità di guadagnare ed essere valorizzate».
Sebbene queste attività rappresentassero un raro rifugio per le donne transgender, offrivano salari bassi rispetto ai 20.000 pesos (370 dollari) il mese disponibile oggi nei call center, più del doppio del salario minimo nazionale. I call center offrono più stabilità e sicurezza nel lavoro a tempo pieno; al contrario il lavoro di servizio nell’intrattenimento, tende a essere a part-time, i lavoratori di solito devono fare affidamento sulle mance.
Molti call center sono gestiti da aziende statunitensi, adottano politiche antidiscriminazione americane, sono più solide di quelle delle Filippine: alcune forniscono persino benefici per i partner dei dipendenti LGBTIQ, estendono la copertura sanitaria indipendentemente dalla loro identità di genere.
I call center mentre offrono un ambiente relativamente LGBTIQ, spesso mancano di politiche specifiche per le esigenze delle persone transgender, per questo motivo i dipendenti hanno creato gruppi di supporto all’interno del proprio luogo di lavoro per fornire solidarietà e sostegno. I dipendenti LGTBIQ presso la sede filippina della società canadese Telus international hanno creato un gruppo di supporto chiamato “Spectrum Philippines“, conta quasi 500 membri. Amiel de Dois è tra gli iscritti, ha detto:
«Se non avessi lavorato in un’azienda BPO e nessuno mi avesse accettato, non avrei potuto mantenere la mia famiglia, sono riuscita con lo stipendio del call center a mandare a scuola i miei due fratelli: ora uno è insegnante, mentre l’altra, studia per diventare contabile. Ho detto altra perché anche lui è transgender.
Ho iniziato a lavorare per Telus dieci fa come agente di assistenza clienti, ora sono un dirigente. Qui a Telus di là del tuo aspetto ti considerano per quello che vali nel contribuire al programma o all’organizzazione. Credo che queste siano le capacità che hanno visto in me».

Limitata possibilità di carriera
Kate Montecarlo Cordova e Amiel de Dois hanno fatto carriera, rappresentano solo una piccola percentuale di donne transgender in posizioni di leadership. Emmanuel David dell’Università del Colorado a Boulder ha studiato il settore dei call center nelle Filippine, dice che, per la maggior parte, i datori di lavoro trascurano le donne transgender per le promozioni e l’avanzamento di carriera:
«La maggior parte delle donne transgender che ho intervistato era in posizioni di base e hanno avuto una mobilità limitata verso l’alto. Pochissime di loro sono passate a posizioni di supervisore o dirigenziali. Le donne transgender tendono a essere raggruppate in posizioni occupazionali più brevi, il che porta al blocco della carriera».
Janeille Natividad, 30 anni, negli ultimi quattro anni ha lavorato in un call center a Quezon City, dice di non vedere un futuro luminoso per la sua carriera:
«Sono in questo settore solo perché posso presentarmi come una donna, in altri luoghi di lavoro dovrei tagliarmi i capelli e vestirmi da uomo. Non posso dedicarmi ad altri lavori. Sono bloccato in questo settore».
Kate Montecarlo Cordova ha sottolineato un problema psicologico:
«Per alcuni dipendenti, durante la giornata di lavoro andare in bagno è una sfida. La maggior parte dei call center non ha una politica specifica che consente alle donne transgender di utilizzare i bagni femminili, nonostante sostengano di essere a favore di LGBTIQ.
Non ha niente a che fare con i genitali, si tratta di sicurezza e dell’effetto psicologico di escludere le donne transgender dai bagni delle donne. Psicologicamente sono una donna, quindi non essere autorizzata a usare il bagno di una donna è una grande sofferenza per me».
IBM, Telus International e Convergys, tre dei più grandi operatori di call center delle Filippine a differenza del datore di lavoro di Kate Montecarlo Cordova,oltre ai bagni “neutralità di genere“, hanno anche quelli maschili e femminili.

Segni promettenti
Nelle Filippine attualmente non ci sono leggi sul riconoscimento del genere che consentirebbero alle persone transgender, anche se si sono sottoposte a un intervento chirurgico di riassegnazione, di cambiare sui documenti legali il loro nome o il loro status di genere. Si tratta di un’anomalia regionale: altri paesi asiatici come Bangladesh, India, Nepal e Pakistan riconoscono un terzo genere su documenti specifici rilasciati dal governo, mentre la Cina prevede un processo amministrativo per cambiare i riferimenti di genere sui documenti ufficiali d’identità.
Il cambiamento nelle Filippine potrebbe essere all’orizzonte, il 20 settembre 2017, una legge anti-discriminazione dopo 17 anni d’insuccesso al Congresso, è stata approvata in terza revisione alla Camera dei Rappresentanti. La legge proibirebbe la discriminazione ingiusta contro le persone LGBTIQ, renderebbe illegale per chiunque costringere una persona a sottoporsi a un esame medico o psicologico per valutare la propria identità di genere. Il disegno di legge propone anche pene detentive per chi viola le sue disposizioni.
I promotori sono incoraggiati a sperare dopo che un altro disegno di legge lo scorso marzo ha superato per la prima volta lo sbarramento della commissione della Camera dei Rappresentanti, ha legalizzato il divorzio anche nelle Filippine l’ultimo paese al mondo a farlo (escluso il Vaticano).
Kate Montecarlo Cordova e Janeille Natividad sottolineano l’importanza di politiche formulate al di fuori del luogo di lavoro che permettono alle persone transgender di cambiare nome e sesso sui documenti legali senza essere costretti a subire un intervento chirurgico, per alcuni, ciò può significare nuove opportunità di lavoro, una via d’uscita dal settore dei call center.
Janeille Natividad, in conclusione ha detto:
«Porterebbe a maggiori opportunità di lavorare in diversi settori senza discriminazioni. Il divorzio non era permesso qui, ora la legge sta passando al Congresso, quindi forse avremo anche la legge sul riconoscimento di genere».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →