I bambini su internet iniziano a vedere il porno a sei anni e a flirtare a otto

I bambini iniziano a guardare il porno dall’età di sei anni, e cominciano a flirtare su Internet a partire dall’età di otto anni. E’ questo il risultato di un sondaggio condotto con oltre 19.000 genitori in tutto il mondo.
I bambini accedono alla messaggistica istantanea e giochi per computer in età molto precoce rispetto a pochi anni fa: il 3,45% dei bambini analizzati nello studio ha utilizzato Instant Messaging per chattare con gli amici, mentre ha appena cinque anni il 2% dei piccoli che non può fare a meno di giocare online con il computer.
I risultati dello studio sono stati rilasciati in esclusiva da CyberTruth di Bitdefender. Il fornitore di antivirus con sede a Bucarest ha correlato i risultati di un sondaggio online dei genitori con i dati compilati dai suoi servizi di controllo parentale, come ad esempio quali siti i genitori scelgono di bloccare, e in quali siti i bambini accedono regolarmente.
I dati emersi hanno evidenziato:
– quasi un quarto dei ragazzi contabilizzati nello studio ha avuto almeno un account di social network a 12 anni, mentre il 17% sono utenti dei social media a 10 anni;
– i bambini mentono sulla loro età durante la creazione di profili di social network, soprattutto su Facebook, dove si suppone di avere almeno tredici anni.
Catalin Cosoi, capo Security Strategist di Bitdefender, ha detto:
«I bambini al giorno d’oggi si comportano come i giovani adulti online, basta dare loro un dispositivo connesso a Internet, e troveranno il modo di vedere quello che i genitori vorrebbero mettere al bando per sempre».
L’indagine ha rilevato che il gioco, i siti hacker, e i cosiddetti siti di “odio” dove i ragazzi sono liberi di usare parolacce ed esprimere disprezzo, sono mete calde per bambini e ragazzi.
Jo Webber, CEO di Virtual Piggy, un sito web che permette ai ragazzi di gestire e spendere soldi all’interno di un ambiente controllato dai genitori, ha detto:
«I bambini mentono sulla loro età per avere accesso a qualcosa che vogliono esplorare, in questo caso, un social network. Non è diverso rispetto alla mia generazione che mentiva sull’età per comprare le sigarette o entrare in un bar.
E’ questa la generazione di bambini nata in una società Internet – centrico. Internet è un sistema enorme che ospita buoni e cattivi. I genitori devono essere più partecipi con i loro figli, devono spiegare i pericoli per non farli inciampare».
Gli esperti di sicurezza per bambini chiedono ai genitori di educare i loro figli per far rispettare le regole di utilizzo e di spiegare i pericoli di comunicare informazioni personali su Internet.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

2 thoughts on “I bambini su internet iniziano a vedere il porno a sei anni e a flirtare a otto

  1. A ogni modo, quale che sia l’origine del limite dei tredici anni non è questo il punto, ma piuttosto il fatto che secondo quanto riporta ComScore (via NY Times ) sarebbero 3,6 milioni gli account creati su Facebook (ovviamente preso come principale esempio di social network) da persone con dodici anni d’età in giù. Danah Boyd di Microsoft riporta inoltre un altro dato significativo, quello secondo il quale tra questi 3,6 milioni ci sarebbe una vasta quantità di bambini “incoraggiati” dai propri genitori a mentire sulla propria età al fine di iscriversi al social network, mentre un’altra buona parte delle persone nemmeno conoscerebbe il limite imposto.

Lascia un commento