Hugo Chavez alza il gomito, nuove invettive a Bush: E' un alcolizzato e cammina come John Wayne

Il presidente del Venezuela Hugo Chavez, ha lanciato un nuovo attacco personale al presidente George W. Bush. Mentre si trovava all’interno della chiesa battista di Olivet, nelle vicinanze di Harlem a New York, durante il suo "sermone", di fronte ai fedeli che gremivano la chiesa, ha detto:
 «Bush è  un ubriaco che cammina come John Wayne. Mi dovete credere è alcoolizzato è un uomo malato. Non capisce niente di politica, è diventato Presidente solo per aiuti ricevuti dal padre George Bush. Gli Stati Uniti dovrebbero scegliere un presidente intelligente con il quale è possibile comunicare e lavorare».[breve video]
Il giorno prima, in occasione del suo intervento all’Assemblea delle Nazioni Unite, Chavez, dopo essersi fatto il segno della croce aveva detto:
«Bush è il diavolo, ieri (alle Nazioni Unite, si riferisce all’intervento di Bush del giorno prima), è stato qui a parlare come se fosse il padrone del mondo, si è allontanato, ma qua dentro c’è un odore strano di zolfo».
Tornando ad Harem, Hugo Chavez era lì non solo per aggiungere altre invettive contro Bush, ma anche per annunciare un programma di aiuti per la fornitura di nafta venezuelana (poco costosa) per le famiglie povere di New York.
Le "sparate" sarcastiche di Hugo Chavez durante il suo discorso alle Nazioni Unite, hanno fatto infuriare molti rappresentanti americani presenti all’Assemblea e non solo.
L’ex presidente Clinton, considerato un amico di Chavez ha commentato:
“Non sta danneggiando gli americani, in questo modo, danneggia solo il suo paese".
La stampa americana è rimasta sorpresa dalle offese di Chavez ritenute più dure di quelle del presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad. Sono andati a rispolverare altri discorsi diventati famosi come quello di Nikita Khruschev nel  1960 e di Yassir Arafat che parlò "armato" portando con se la sua pistola nella fondina ben visibile sul fianco.
Critiche anche da Charles Rangel, un duro oppositore di Bush, riferendosi a Chavez ha detto:
“Non entrate nel mio paese per condannare il mio presidente e offenderlo. La critica non deve essere rivolta a Bush, ma a tutti gli americani che lo hanno votato".
Liberamente tradotto da Breitbart

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

7 thoughts on “Hugo Chavez alza il gomito, nuove invettive a Bush: E' un alcolizzato e cammina come John Wayne

  1. Io credo che il Presidente Americano dalla faccia sempre sorridente,ciuccia molto vino,per dimenticare i morti che a sulla sua coscienza,ciao amicone,e una bella serata.

    🙂

    L’ESPLORATORE

  2. tutti i torti non ha….e se non è ubbriaco è stronzo!

    ps si mi hanno detto che assomiglio anche a Digiacomo 🙂

    buon weekend!

  3. sicuramente l’intervento di chavez è da vedere ed anche divertente…però nonostante condivido appieno ciò che ha detto e anche molte delle sue scelte politiche ( non tutte, vedi intima amicizia iran) non approvo l’intervento perchè non consono ad un capo di governo…i media tradizionali in italia e non solo ne approfitteranno per sminuirne l’immagine e anche in venezuela i sondaggi lo vedono leggermente in ribasso…

    fatto sta che personalmente ripongo molta fiducia nelle sue idee e spero nel suo operato…pubblicizzare il libro di chomsky è stato fantastico…dovrebbero leggerlo tutti

  4. Come dargli torto?? Bush è il peggiore politico del 21° secolo … chi vivrà vedrà … un saluto, Lorenzo

  5. Per la prima volta c’è chi ha il coraggio di dire la verità sul concetto di democrazia americana.

    SIDOLI.ORG

Lascia un commento