Guardare in TV programmi sulla natura può aumentare il benessere delle persone in lockdown

La ricerca ha evidenziato che guardare in TV programmi di qualità sulla natura può sollevare l’umore delle persone, ridurre le emozioni negative e aiutare a alleviare il tipo di noia associato all’isolamento in casa (lockdown).
La ricerca ha anche dimostrato che vivere la natura nella realtà virtuale potrebbe avere benefici ancora maggiori, stimolando sentimenti positivi e aumentando la connessione delle persone con il mondo naturale.
I ricercatori dell’Università di Exeter in condizioni di laboratorio hanno prima indotto sentimenti di noia in 96 partecipanti chiedendo loro di guardare un video in cui una persona descrive il proprio lavoro presso un’azienda di forniture per ufficio. Hanno quindi sperimentato scene di una barriera corallina sottomarina in tre differenti modi: in TV, in un visore VR utilizzando video a 360 gradi o in un visore VR utilizzando grafica interattiva generata dal computer.
Il team ha scoperto che tutti i metodi di visualizzazione riducono al minimo i sentimenti negativi come la tristezza, oltre a ridurre significativamente la noia. Tuttavia, solo l’esperienza di realtà virtuale interattiva ha portato a un aumento dei sentimenti positivi, come la felicità, e ha rafforzato il modo in cui le persone si sentivano legate alla natura.
Nicky Yeo, capo ricercatore dello studio pubblicato nella rivista Journal of Environmental Psychology, ritiene che i risultati potrebbero avere importanti implicazioni per le popolazioni che devono affrontare lunghi periodi a casa. Ha detto:
«I nostri risultati mostrano che in TV guardando semplicemente i programmi sulla natura può aiutare a sollevare l’umore e combattere la noia delle persone che in tutto il mondo devono affrontare un accesso limitato agli ambienti esterni a causa della quarantena per il coronavirus Covid-19; questo studio suggerisce che i programmi sulla natura potrebbero offrire alle popolazioni un modo accessibile per beneficiare di una dose di natura digitale».
Il team ha lavorato con l’Unità di Storia Naturale della BBC (è un dipartimento della BBC che produce televisione, radio e contenuti online con un tema di storia naturale o fauna selvatica) per creare le loro condizioni sperimentali, che presentavano diverse scene della serie Blue Planet II, comprese riprese inedite a 360 gradi. Le loro scoperte sostengono iniziative che cercano di portare il potenziale terapeutico della natura nelle persone a casa, come la recente serie Mindful Escapes Four della BBC.
Mathew White, coautore dello studio, ha detto:
«La realtà virtuale potrebbe aiutarci a migliorare il benessere delle persone che non possono accedere facilmente al mondo naturale, come quelle ricoverate in ospedale o in cure a lungo termine, ma potrebbe anche aiutare a incoraggiare un legame più profondo con la natura in popolazioni sane, un meccanismo che può favorire comportamenti più favorevoli all’ambiente e spingere le persone nel mondo reale a proteggere e preservare la natura».

,

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →