Guarda in diretta streaming l’esplorazione scientifica del fondale marino del Golfo del Messico

Avete mai voluto vedere ciò che si trova sul fondo del mare? Bene, ora è possibile, grazie a immagini in diretta fornite dal National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA).
Le immagini in tempo reale riguardano la nuova missione della nave Okeanos Explorer, fino al 1° maggio 2014 è impegnata alla mappatura e osservazione del fondale di una regione nel Golfo del Messico con l’ausilio del Deep Discoverer, il veicolo comandato a distanza (ROV); questa è la terza parte di una spedizione di 59 giorni che sta raccogliendo i dati dalle aree di particolare interesse sul fondo del mare individuati dalla comunità scientifica (clicca  per vedere le immagini in diretta streaming).

Live Video Okeanos Explorer
John McDonough, direttore ad interim dell’Ufficio del NOAA di esplorazione e di ricerca, ha detto:
«Per il pubblico questa è un’opportunità interessante per esplorare l’Oceano e condividere informazioni scientifiche che descrivono aree oceaniche in gran parte sconosciute».
Le nuove tecnologie permettono di esplorare l’oceano in maniera sempre più sistematica, scientifica, e non invasiva. La nostra capacità di osservare l’ambiente marino e le sue residenti creature con i continui progressi tecnologici sta cominciando a farci recuperare il ritardo sulla conoscenza, ampliando la nostra comprensione e l’apprezzamento di questo regno ancora in gran parte inesplorato.
Gli scienziati durante la missione studieranno i relitti trovati nei fondali per determinare se possono essere considerati importanti siti del patrimonio marittimo nazionale. Tali siti oltre lo studio richiedono anche la protezione in partnership con l’industria e altri partner federali.
Il 22 aprile 2014 in occasione della Giornata della Terra, la missione esplorerà un canyon per osservare le caratteristiche dell’habitat e le specie che s’incontrano.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →