Google rende omaggio a Otto Lilienthal, pioniere dell’aviazione (video)

Otto Lilienthal è nato il 23 maggio 1848 ad Anklam, Prussia. Lilienthal è considerato come il primo uomo, che è riuscito con una macchina volante a stare sospeso in aria per un periodo prolungato.
Google commemorare un uomo che nello sviluppo di alianti ha fatto il lavoro preliminare per i fratelli Wright, rende omaggio all’antenato del volo degli aerei, nel suo Doodle mostra Otto Lilienthal con la sua innovativa macchina in planata su un prato verde con spettatori ad ammirare le sue evoluzioni.

Doodle Otto Lilienthal

Google festeggia il compleanno di Otto Lilienthal
Otto Lilienthal è considerata la prima persona a librarsi con successo attraverso l’aria e volare. Il primo volo umano di successo è stato preceduto da anni di studi e misurazioni, e numerosi tentativi di volo falliti.
Otto Lilienthal (non fu il primo inventore che ha voluto insegnare alla gente a volare lontano, nel XV secolo, Leonardo da Vinci ha armeggiato su vari modelli di aeromobili), all’età di diciannove anni, aveva acquisito la conoscenza per sviluppare ed espandere esperimenti di volo, in particolare la sua ricerca aerodinamica si basava sull’osservazione delle traiettorie degli uccelli. La sua opera “Il volo degli uccelli come base dell’arte del volo” è ancora considerato come uno dei primi riferimenti letterari per la ricerca sul volo degli uccelli (nel sito del Museo di Otto Lilienthal si può prendere visione dello studio in formato PDF).

Otto Lilienthal nel 1890 dopo venti anni di ricerca ha tentato senza successo di volare per la prima volta con un proprio veicolo. L’anno successivo finalmente è riuscito con il “Derwitzer Glider” a compiere il primo volo umano su una distanza di circa venti metri. In seguito, ha provato a volare con altri modelli costruiti in gran parte con legno di salice e il cotone.
La sua passione per il volo ha segnato la sua fine, il nove agosto del 1896 mentre era impegnato in un volo di prova nel paese di Haven, una folata di vento lo fece precipitare da un’altezza di quindici metri. L’impatto sul terreno gli procurò la rottura della spina dorsale e un’emorragia cerebrale. Il pioniere dell’aviazione fu trasportato con un carro merci a Berlino, si spense il giorno dopo dicendo: “Opfer müssen gebracht werden!” (“I sacrifici vanno accettati!”).
Ancora oggi, il nome di Otto Lilienthal è indimenticato, l’aeroporto di Berlino-Tegel il principale scalo aereo di Berlino, in Germania è stato a lui dedicato.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento