Google ha annunciato un importante aggiornamento all’algoritmo di ricerca

Google il giorno prima di celebrare il 15° compleanno della società, letteralmente è tornato dove tutto è iniziato, all’interno del garage che ospitava Larry Page e Sergey Brin, quando è stata creata la più grande società di ricerca al mondo.
Amit Singhal, VP senior di Google ha detto:
«Google il 26 settembre 2013 ha annunciato alcuni nuovi aggiornamenti di ricerca offerti della società, tra cui un importante aggiornamento per l’algoritmo di ricerca di Google che l’azienda ha chiamato “Colibrì”. Il nuovo algoritmo interessa il 90% di tutte le ricerche.
Google nel tentativo di far funzionare meglio e più a lungo le domande più complesse, ha aggiornato il suo algoritmo di base che controlla le risposte che otteniamo a quesiti sul suo motore di ricerca.
Google invece di semplici query con parole chiave, sta lavorando per accogliere domande alla pari di quelle che gli utenti di Internet potrebbero fare ai loro amici, ad esempio “Parlami di artisti impressionisti”.
L’aggiornamento, nome in codice Hummingbird è il più significativo cambiamento dall’inizio del 2010, quando Google aveva aggiornato il suo algoritmo con quello chiamato Caffeine.
Google ha effettuato la modifica circa un mese fa, la maggior parte delle persone non noterà una differenza palese ai risultati di ricerca, ma con sempre più persone che fanno ricerche più complesse, soprattutto quando possono parlare sempre più con i loro smartphone, per gestirle c’è una necessità di nuove formule matematiche.
La voce sarà fondamentale per la costruzione di future interazioni con i dispositivi che usiamo, per esempio gli utenti potranno chiedere a Google di confrontare due oggetti, generare un elenco di canzoni di un determinato artista, o elaborare statistiche sulla Torre Eiffel e ricevere una risposta vocale (in questo caso l’utente in una serie di domande avrebbe bisogno di dire solo una volta “Torre Eiffel” perché la ricerca ricorderà il contesto».
Amit Singhal sull’importanza del nuovo algoritmo di ricerca Colibrì, ha detto:
«La gente non dovrebbe perdere tempo a cercare, dovrebbe spendere il proprio tempo per vivere».

Precedente Migliaia di blog Wordpress compromessi per eseguire attacchi DDoS Successivo Krokodil la terrificante droga che divora la carne dei tossicodipendenti è arrivata in America

Lascia un commento