Gli scienziati hanno scoperto perché questa famiglia italiana è insensibile al dolore da ustioni e ossa fratturate

Un gruppo di scienziati britannici ha finalmente decifrato il motivo per cui sei membri di una famiglia italiana composta di una madre (78 anni), le sue due figlie (età 50 e 52 anni) e i loro figli (due maschi e una femmina, rispettivamente di 24, 21 e 16 anni) non possono provare dolore anche dopo aver sofferto di ustioni e ossa fratturate.
In diverse forme e gravità, questi soggetti presentavano una scarsa capacità di percepire il dolore, di sperimentare la temperatura e di sudare. In effetti, alcuni membri nel corso degli anni hanno subìto fratture ossee non percepite, per esempio, sulle braccia e sulle gambe e lesioni cutanee. Inoltre, i membri manifestavano una bassa sensibilità alla capsaicina (peperoncino) e una normale o elevata sensibilità agli odori. A volte le intense sensazioni erano accompagnate da reazioni autonomiche come vomito e svenimento. Occasionalmente si sono verificati inspiegabili episodi d’ipertermia. Le capacità cognitive e le prestazioni motorie erano normali o elevate.
I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Brain. Il consenso informato scritto è stato ottenuto da tutti i partecipanti, lo studio è stato approvato dal comitato etico presso l’University College di Londra, Regno Unito, con valutazioni fenotipiche sensoriali presso l’Università di Siena, Italia dove, in prima battuta, è stata scoperta la sindrome, descritta in un articolo di Giacomo Spinsanti pubblicato nel 2008, chiamata “Marsili syndrome”, dal cognome della famiglia studiata.

L’idea di non avere dolore può sembrare un grande superpotere, ma il fatto di non avvertire la sensazione di toccare un piano di cottura caldo o di avere una frattura ossea potrebbe rendere le persone vulnerabili agli infortuni. E’ questa la condizione medica rilevata in tre generazioni della famiglia Marsili.
James Cox co-direttore dell’University College di Londra ha detto:
«I membri di questa famiglia possono bruciarsi o sperimentare fratture ossee senza provare alcun dolore. Hanno una normale densità delle fibre nervose intraepidermiche, significa che i loro nervi sono tutti lì ma non lavorano come dovrebbero».
I ricercatori dopo aver analizzato il loro DNA e confrontato questi risultati con modelli di topi, hanno scoperto la causa della loro mancanza di dolore, riguarda la mutazione in un gene chiamato ZFHX2. Tipicamente, questo gene ha un ruolo nel modo in cui i segnali del dolore sono interpretati dai nervi e trasmessi al nostro cervello.

Mutazione del gene ZFHX2
I ricercatori hanno chiesto ai membri della famiglia di toccare le superfici calde e immergere le mani in acqua fredda. Hanno poi condotto l’analisi del DNA dei loro campioni di sangue, ha rivelato una mutazione del gene ZFHX2. Poiché il gene alterato è stato trovato in ogni membro della famiglia affetta da questa condizione, i ricercatori hanno deciso di mettere alla prova la loro teoria, hanno testato topi modificati con la stessa versione mutata del gene, notando un comportamento abbastanza simile. I topi hanno dimostrato difficoltà nel percepire il caldo e il freddo, ciò ha confermato che il gene ZFHX2 è effettivamente responsabile della mancanza di dolore per tre generazioni della famiglia Marsili.
I ricercatori ritengono che ulteriori studi su questo e altri geni simili potrebbero offrire intuizioni cruciali per sviluppare migliori farmaci per ridurre il dolore cronico.
Anna Maria Aloisi del dipartimento Scienze mediche, chirurgiche e neuroscienze dell’Università di Siena, co-autrice dello studio, ha detto:
«Identificando questa mutazione nella famiglia e chiarendo che essa contribuisce all’insensibilità al dolore, abbiamo aperto una strada completamente nuova alla scoperta di farmaci per alleviare il dolore».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →