Gli scienziati hanno scoperto due varianti genetiche, sono più comuni negli uomini gay

Alan Sanders e il suo team della North Shore University, ha scoperto due varianti genetiche più comuni negli uomini gay, ciò si aggiunge a prove crescenti che in parte l’orientamento sessuale è biologicamente determinato. Alan Sander ha risposto ad alcune domande.

Che cosa cambia? Non sapevamo già che c’erano “geni gay”?
Sappiamo da decenni che l’orientamento sessuale è in parte ereditabile negli uomini, grazie agli studi di famiglie in cui alcune persone sono eterosessuali e altre sono gay: nel 1993 è emerso che negli uomini alcune variazioni genetiche in una regione sul cromosoma X erano legate al fatto che fossero eterosessuali o omosessuali; nel 1995 fu identificata una regione sul cromosoma 8. Entrambe le scoperte nel 2014 sono state confermate in uno studio su fratelli gay ed etero. Tuttavia, questi studi non hanno trovato alcun gene specifico su questo cromosoma.

Cosa c’è di nuovo sull’ultimo studio?
Per la prima volta sono stati identificati singoli geni che possono influenzare il modo in cui si sviluppa l’orientamento sessuale nei ragazzi e negli uomini, sia nell’utero sia durante la vita. Insieme al mio team abbiamo individuato questi geni confrontando il DNA di 1.077 uomini gay e 1.231 uomini etero. Abbiamo scansionato l’intero genoma degli uomini, cercando le differenze di una singola lettera nelle loro sequenze di DNA. Ciò ha permesso di focalizzare due geni le cui varianti sembrano essere legate all’orientamento sessuale.

Che geni avete trovato e cosa fanno?
Uno dei geni, che si trova sul cromosoma 13, è attivo in una parte del cervello chiamata diencefalo. E’ interessante notare che questa regione del cervello contiene l’ipotalamo, nel 1991 è stato identificato di dimensioni diverse in uomini gay e uomini etero. La scoperta è stata fatta dal neuroscienziato Simon LeVay, contento che la nostra nuova scoperta genetica sembra adattarsi a ciò che ha trovato, ha detto:
“Altre ricerche hanno scoperto che questo gene, chiamato Slitrk6, è attivo nell’ipotalamo dei feti di topi maschi pochi giorni prima della loro nascita, è un momento cruciale per la differenziazione sessuale in questa parte del cervello, quindi questa particolare scoperta è un potenziale collegamento tra la neuroanatomia e la genetica molecolare dell’orientamento sessuale”.

Qual è l’altro gene?
L’altro gene si trova sul cromosoma 14 ed è principalmente attivo nella tiroide, ma anche nel cervello, chiamato Tshr, rende recettore un tipo di proteina, riconosce e si lega a un ormone che stimola la tiroide. Il gene in questo modo svolge un ruolo importante nel controllo della funzione tiroidea.
Il fatto che il Tshr sembra essere coinvolto nell’orientamento sessuale si adatta all’evidenza della funzione tiroidea legata anche alla sessualità: la funzione Tshr, ad esempio, è interrotta in una condizione genetica chiamata morbo di Graves, causa un’eccessiva attività della ghiandola tiroide, accelerando il metabolismo con sintomi collegati a palpitazioni, ansia, aumento dell’appetito, insonnia e perdita di peso. Il morbo di Graves è più comune negli omosessuali che negli uomini eterosessuali, alcune ricerche suggeriscono che gli uomini gay tendono a essere più magri, ciò potrebbe essere il risultato di uno stato d’intensa attività della tiroide.

Tutti gli uomini che hanno le varianti “gay” di questi geni sono gay?
No, molti altri fattori giocano un ruolo, compreso l’ambiente, probabilmente sono coinvolti più geni, ciascuno con un effetto piuttosto basso. Ci saranno uomini che hanno la forma di un gene che aumenta le probabilità di essere gay, ma non saranno gay”.
Poiché molti geni e altri fattori sembrano giocare un ruolo nell’orientamento sessuale, questo potrebbe spiegare perché alcune persone sono bisessuali o vedono l’orientamento sessuale come uno spettro.

Che dire delle donne gay? Ci sono “geni lesbici”?
La nostra comprensione biologica dell’omosessualità nelle donne resta indietro. Alcuni ricercatori dicono che questo è in parte dovuto al fatto che le donne che fanno sesso con altre donne tendono a essere più fluide nel loro orientamento sessuale.
Ci sono stati studi che suggeriscono l’esistenza di un elemento genetico dell’omosessualità nelle donne, in effetti, più ricerche sono state fatte negli uomini”.

L’ultima domanda è stata rivolta a Dean Hamer del National Institutes of Health degli Stati Uniti, ha guidato lo studio che ha individuato il cromosoma X nel 1993.

Perché dovremmo preoccuparci della genetica dell’essere gay?
Gli ultimi risultati aprono la prospettiva di identificare l’intero percorso di geni coinvolti nell’orientamento omosessuale ed eterosessuale. Aggiungono nuove prove che l’orientamento sessuale non è una “scelta di vita”. Il vero significato è che ci avvicina di un altro passo alla comprensione delle origini di una delle caratteristiche più affascinanti e importanti degli esseri umani.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →