Gli scienziati per valutare il rischio mirano a creare in laboratorio forme altamente trasmissibili e mortali di H7N9

Gli scienziati in diversi laboratori ad alta sicurezza in tutto il mondo vogliono creare forme mutanti del virus dell’influenza H7N9 che è emerso in Cina, in modo da poter valutare il rischio che si sviluppi una pandemia umana letale.
Gli scienziati dicono che il lavoro di modificazione genetica si tradurrà in forme molto trasmissibile e mortale di H7N9 compiuti in vari laboratori di massima sicurezza di tutto il mondo, ma è di vitale importanza per prepararsi alla minaccia.
Il nuovo virus dell’influenza aviaria, che era sconosciuto negli esseri umani fino a febbraio, secondo gli ultimi dati dell‘Organizzazione Mondiale della Sanità ha già infettato almeno 133 persone in Cina e Taiwan, uccidendo 43 di loro.
I virologi Ron Fouchier e Yoshihiro Kawaoka, annunciando i piani per avviare i controversi esperimenti, hanno detto:
«Il rischio di pandemia H7N9 potrebbe aumentare in modo “esponenziale” se ha la capacità di diffondersi facilmente tra le persone. L’unico modo per scoprire questa probabilità per verificare quanti cambiamenti genetici sono necessari prima della diffusione, è di progettare quelle mutazioni in condizioni di laboratorio e testare potenziali modelli animali con il virus».
Il virologo Ron Fouchier, intervistato telefonicamente da Reuters, ha detto:
«E’ chiaro che questo virus H7N9 ha alcune caratteristiche di virus pandemici, ed è anche chiaro che ancora non ha almeno una o due delle caratteristiche che abbiamo visto nei virus pandemici del secolo scorso. Così il passo più logico è quello di “anticipare” e mettere quelle mutazioni (mancanti).
La pubblicazione nelle riviste Nature e Science, in nome di ventidue scienziati che svolgeranno i vari aspetti del lavoro di H7N9, a causa del rischio di una pandemia causata da un virus dell’influenza aviaria esistente in natura, per i piani di attenuazione del rischio è fondamentale studiare le probabili mutazioni che potrebbero far sì che questo accada.
La ricerca che utilizza questo tipo di scienza è conosciuta come “Guadagno di funzione” (GOF). Ha lo scopo di identificare le combinazioni di mutazioni genetiche che permettono a un virus di passare dall’animale all’uomo e diffondersi facilmente.
I ricercatori dopo aver trovato quante mutazioni sono necessarie, possono aiutare le autorità sanitarie a meglio valutare quanta probabilità ha un nuovo virus di diventare pericoloso, così da poter rapidamente iniziare a sviluppare farmaci, vaccini e altre difese scientifiche. Eppure, tale lavoro è molto controverso, negli ultimi due anni ha alimentato un dibattito internazionale dopo che è stato eseguito su un altro virus dell’influenza aviaria pericolosa chiamato H5N1».

Paura bioterrorismo
Alla fine del 2011 quando il virologo Ron Fouchier del Centro medico Erasmus di Rotterdam, Paesi Bassi, e il virologo Yoshihiro Kawaoka dell’Università del Wisconsin, hanno annunciato che avevano trovato come variare il virus H5N1 in una forma che potrebbe diffondersi tra i mammiferi, il Consiglio Nazionale della Scienza consultivo per la biosicurezza (NSABB), era così allarmato che, senza precedenti, ha preso la decisione di cercare di censurare la pubblicazione degli studi perché temeva che i dettagli del lavoro potessero cadere nelle mani sbagliate ed essere utilizzati per il bioterrorismo. La moratoria è durata un anno mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanità, i consiglieri per la sicurezza degli Stati Uniti e ricercatori influenzali internazionali hanno cercato modi per assicurare i controlli di sicurezza più elevati.
Ron Fouchier ha detto:
«Il mio laboratorio lavorerà a livello avanzato BSL3 (Bio-Sicurezza Livello 3), il più alto livello di biosicurezza che può essere raggiunto nella ricerca accademica.
La natura è la più grande minaccia per noi, non quello che facciamo in laboratorio. Ciò che facciamo in laboratorio è sottoposto a molte intense misure di biosicurezza. Ci sono strati su strati di misure di biosicurezza tali che se uno strato potrebbe rompersi ci sono successivi livelli per impedire al virus di uscire dal laboratorio.
La ricerca “Guadagno di funzione” (GOF) recentemente è stata aspramente criticata, la comunità scientifica è stata accusata di non essere stata abbastanza trasparente nel dire che tipo di esperimenti era stato fatto, questa volta stiamo cercando di prevenire tali accuse».
Il focolaio d’influenza aviaria H7N9 adesso appare sotto controllo, con solo tre nuovi casi umani si sono verificati a maggio, dopo gli ottantasette di aprile e trenta nel mese di marzo. Gli esperti dicono che questo in gran parte è stato possibile grazie alla chiusura di molti mercati di pollame vivo e per la bella stagione. Molti esperti ritengono che il virus H7N9 potrebbe riemergere con l’arrivo dell’inverno in Cina, con il rischio di una minaccia di pandemia nel caso di una  forma mutante del virus facilmente trasmissibile tra le persone.
La prima analisi scientifica di una probabile trasmissione di H7N9 da uomo a uomo, ha sollevato preoccupazioni circa il suo potenziale pandemico, ha spinto gli scienziati James Rudge e Richard Coker della London School d’igiene e medicina tropicale a destare l’allarme: “La minaccia rappresentata dal virus H7N9 non è stata in alcun modo superata”.
Ron Fouchier e colleghi hanno detto che sperano di svelare i processi molecolari alla base del virus H7N9, manipolando il suo materiale genetico per aumentare la virulenza o indurre resistenza ai farmaci.
Il professor Wendy Barclay dell’Imperial College London, esperta d’influenza virale ha detto:
«Sarebbe ridicolo fuggire da tali studi, questo tipo di lavoro è come gli occhiali per qualcuno che non può vedere bene, senza gli occhiali la visione è offuscata e incerta, con loro è possibile concentrarsi sul mondo per trattare gli argomenti più facilmente».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →