Gli scienziati hanno scoperto un posto sulla Terra, dove non c’è vita

Gli esseri viventi, in particolare i microrganismi, hanno una sorprendente capacità di adattarsi agli ambienti estremi del nostro pianeta, ma ci sono ancora posti in cui non possono vivere. Ricercatori europei hanno confermato l’assenza di vita microbica in stagni caldi, salini e iperacidi nel territorio geotermico di Dallol in Etiopia.
Il paesaggio infernale di Dallol, situato nella regione di Afar, nel nord dell’Etiopia, comprende una vasta pianura desertica chiamata, la depressione di Danakil, con la presenza estesa di un cratere vulcanico pieno di sale che emana gas tossici e l’acqua bolle nel mezzo di un’intensa attività idrotermica. È uno degli ambienti più torridi della Terra, le temperature giornaliere in inverno possono superare i 45° C, sono presenti abbondanti stagni ipersalini e iperacidi, con valori di pH che sono addirittura negativi.
Il recente studio pubblicato su Scientific Reports, ha evidenziato che alcuni microrganismi possono svilupparsi in quest’ambiente multiestremo (contemporaneamente molto caldo, salino e acido), ha indotto i suoi autori a presentare questo luogo come un esempio dei limiti che la vita può sostenere, e persino a proporlo come un analogo territorio di Marte. Tuttavia, un team di scienziati francesi-spagnoli guidato dal biologo Purificación Lopez Garcia del Centro Nazionale Francese per la Ricerca Scientifica (Cnrs), ora conclude diversamente con un articolo pubblicato su Nature Ecology & Evolution, secondo questi ricercatori, non c’è vita negli stagni multi-estremi di Dallol.
Purificación Lopez Garcia ha sottolineato:
«Dopo aver analizzato molti più campioni rispetto ai lavori precedenti, con controlli adeguati per non contaminarli e una metodologia ben calibrata, abbiamo verificato l’assenza di vita microbica in questi stagni salati, caldi e iperacidi o negli adiacenti laghi di salamoia ricchi di magnesio. Esiste una grande diversità di archea alofili (un tipo di microorganismi primitivi che amano il sale) nel deserto e nei canyon salini intorno al sito idrotermico, ma non negli stagni iperacidi e ipersalinici, né nei cosiddetti laghi neri e gialli di Dallol, dove il magnesio abbonda. E tutto questo nonostante che in quest’area sia intensa la dispersione microbica, dovuta al vento e ai visitatori umani».
Ciò è confermato dai risultati di tutti i vari metodi utilizzati dal team di ricercatori, tra cui il notevole sequenziamento di marcatori genetici per individuare e classificare microorganismi, tentativi di coltura microbica, citometria a flusso fluorescente per identificare singole cellule, analisi chimica delle brine e microscopia elettronica a scansione combinata con spettroscopia radiografica.
I ricercatori hanno detto che questo lavoro “aiuta a circoscrivere i limiti di abitabilità, richiede cautela nell’interpretare le biofirme morfologiche sulla Terra e oltre”, ossia, non si deve fare affidamento sull’aspetto apparentemente cellulare o “biologico” di una struttura, perché potrebbe avere un’origine abiotica (non consente alcuna forma di vita).
Purificación Lopez Garcia ha aggiunto:
«Il nostro studio inoltre mostra che ci sono posti sulla superficie terrestre, come le pozze Dallol, che sono sterili, anche se contengono acqua liquida».
Ciò significa che la presenza di acqua liquida su un pianeta, spesso utilizzata come criterio di abitabilità, non implica direttamente che abbia vita. I ricercatori in questo caso, hanno trovato due barriere fisico-chimiche che impediscono la presenza di organismi viventi negli stagni: l’abbondanza di sali di magnesio caotropi (un agente in grado di rompere le interazioni elettrostatiche, destabilizzare le macromolecole biologiche e inibire lo sviluppo cellulare) e la simultanea confluenza di ipersalina, iperacido e condizioni di alta temperatura.
Purificación Lopez Garcia ha detto:
«Non ci aspetteremmo in ambienti simili di trovare forme di vita su altri pianeti, almeno non in conformità a una biochimica simile a quella terrestre. È necessario in astrobiologia avere indicazioni multiple, analizzare tutti i tipi di possibilità e di essere molto prudenti con le interpretazioni prima di raggiungere qualsiasi conclusione».
Ora il team di scienziati francese-spagnolo (partecipano ricercatori dell’Istituto geologico e minerario spagnolo e dell’Università autonoma di Madrid), e altri team internazionali, continuano a indagare sull’ambiente estremo di Dallol, in cui gli stagni completamente sterili potrebbero alternarsi con altri con condizioni biofisiche leggermente migliori che permettono la presenza di archea e di altri microrganismi estremofili. Si tratta in ogni caso di un ambiente eccezionale per continuare a studiare i limiti della vita.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →